Lunedì, 15 Marzo 2021 08:54

Mancato posizionamento di un chiosco: a chi chiedere risarcimento

Scritto da
 

Corte di Cassazione Sez. U. Civile Ordinanza n. 8722 del 09.04.2018. Edilizia e urbanistica. Chiosco, installazione nel parcheggio di complesso monumentale e permesso di costruire. Parere negativo della soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici. Azione risarcitoria.

 

 

 

Il caso si riferisce ad una causa promossa da una persona nei confronti di un ente territoriale, causa avente ad oggetto l'accertamento della responsabilita' extracontrattuale e la condanna al risarcimento dei danni patrimoniali e non patrimoniali per avere illegittimamente subordinato il rilascio del permesso di costruire un chiosco di piadine, su area destinata al parcheggio di un complesso monumentale, al parere della Soprintendenza per i beni Architettonici e Paesaggistici, parere espresso poi in forma negativa.

 

In sintesi: la parte attrice ha evidenziato di aver partecipato alla gara per l'assegnazione in concessione di aree comunali per l'installazione di chioschi fissi artigianali, per la produzione e vendita di piadina, e di essersi classificata provvisoriamente al primo posto così da aver avuto diritto alla scelta della localizzazione, effettuata indicando il posteggio prospiciente una basilica.

 

Ha aggiunto che le era stata assegnata in via definitiva proprio quella localizzazione e che, secondo quanto stabilito dal bando, aveva presentato domanda di permesso di costruire al predetto Comune.

 

A quel punto lo Sportello Unico per l'edilizia aveva richiesto parere di conformità agli enti competenti, in particolare alla Soprintendenza, che lo aveva però espresso negativamente, precisando che nella localizzazione prescelta non poteva sorgere alcuna costruzione, di qualsiasi natura e specie.

 

A conclusione dell’iter era stato emanato purtroppo il provvedimento di rigetto del permesso di costruire.

 

Ebbene, a causa di questa decisione, la persona interessata al chiosco si è trovata costretta ad accettare una soluzione alternativa molto meno remunerativa.

 

Ha quindi sostenuto, in causa, di aver subito parecchi danni economici, essendosi pure indebitata per sostenere l’avvio dell’attività commerciale in quel sito specifico.

 

Avviata la causa di risarcimento ed in sede di regolamento di giurisdizione promosso dal Comune, l’orientamento della Cassazione è stato il seguente.

 

Rientra nella giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo l'azione proposta nei confronti del comune da chi chieda il risarcimento dei danni ascrivibili all'ente locale per aver preteso, ai fini del posizionamento di un chiosco per la preparazione e la vendita di alimenti in un'area destinata a parcheggio di un complesso monumentale, il conseguimento del permesso di costruire, subordinato al parere della competente soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici, poi espresso in forma negativa.

 

In conclusione: in casi analoghi a quello qui commentato, la causa va avviata davanti il giudice amministrativo.

 

E’ il Giudice Amministrativo il diretto destinatario della controversia sulla domanda di un privato per avere il risarcimento del danno.

 

 

 

Vuoi una consulenza?

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 231 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.