Domenica, 11 Aprile 2021 10:23

Fauna selvatica

Scritto da

Le regole per la richiesta di risarcimento del danno materiale provocato da un cinghiale. Breve guida.

 

 

 

Sai che in Italia sono molti gli incidenti stradali causati da cinghiali che, improvvisamente, attraversano la strada pubblica percorsa da autoveicoli?

 

Di questi sinistri, una parte sono anche abbastanza seri.

 

Nel caso in cui si verifichi un incidente di questo tipo, cosa devi fare per chiedere ed ottenere il risarcimento del danno arrecato dall’animale al tuo veicolo?

 

Bene: la prima cosa che devi tenere a mente è che le regole per la richiesta del risarcimento sono state riviste ed aggiornate dalla Corte di Cassazione, la quale ha stabilito [1] che i danni provocati dalla fauna selvatica sono risarcibili dalla Pubblica Amministrazione a norma dell’art. 2052 codice civile poiché, da un lato il criterio di imputazione della responsabilità si fonda non sul dovere di custodia ma sulla proprietà o, comunque, sull’utilizzazione dell’animale e, dall’altro, le specie selvatiche  protette per Legge rientrano nel patrimonio indisponibile dello Stato e sono affidate alla cura e alla gestione di soggetti pubblici, in funzione della tutela generale dell’ambiente e dell’ecosistema [2].

 

Che cosa significa, in pratica, tutto questo?

 

Semplicemente sta a significare che la lettera di richiesta risarcitoria la devi indirizzare alla Regione proprietaria della pubblica via dove si è verificato il sinistro con l’animale.

 

La Provincia potrebbe rispondere del danno, stando alle indicazioni della Corte, solo se ha ricevuto la delega dalla Regione con la dotazione finanziaria specifica per questo tipo di danno.

 

Quindi, in sintesi:

 

1) la regola che si applica in questi casi è quella prevista dall’art. 2052 del codice civile: il proprietario di un animale o chi se ne serve per il tempo in cui lo ha in uso è responsabile dei danni provocati dall’animale stesso;

 

2) devi dimostrare e quantificare il danno;

 

3) devi inviare la messa in mora tramite l’avvocato;

 

4) in caso di rigetto della domanda, devi avviare la causa risarcitoria.

 

 

 

[1] Corte di Cassazione Sezione 3 civile, Ordinanza del 09.04.2021 n. 9469.

[2] Corte di Cassazione Sezione 3 civile, Sentenza del 20.04.2020 n. 7969.

 

 

 

Vuoi assistenza?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 513 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590
Altro in questa categoria: « Certificato casellario giudiziale

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.