Lunedì, 08 Luglio 2019 08:50

Cancellazione dati SDI

Scritto da

 

Nella banca dati delle Forze di polizia sono conservati dati personali che ci riguardano: come fare per saperlo? Come inviare la domanda di cancellazione?

 

Procedura

La procedura è la seguente.

Si può presentare una richiesta scritta per conoscere se ci sono i propri dati nella banca dati delle Forze di polizia.

 

 

Istanza

La persona interessata può avanzare la richiesta, anche utilizzando il modello che si trova facilmente sul sito istituzionale del Ministero dell’Interno, allegando copia del proprio documento di identità e la documentazione pertinente al caso.

 

 

Destinazione dell’istanza

La richiesta deve essere sottoscritta e inviata a mezzo posta alla Direzione Centrale della Polizia Criminale/Ufficio Tecnico Giuridico e Contenzioso - via Torre di Mezzavia, n. 9/121 – 00173 ROMA o a mezzo p.e.c. all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

 

 

Alternative alla presentazione dell’istanza

La procedura prevede anche metodi alternativi di presentazione della richiesta.

In pratica presentando la domanda presso gli Uffici territoriali delle Forze di Polizia, che si incaricheranno di trasmettere la documentazione alla Direzione Centrale della Polizia Criminale, aggiornando di conseguenza i dati.

 

 

Impostazione della richiesta

Step 1:

Per impostare la richiesta, premettere nell’oggetto: “richiesta di accesso ai dati conservati negli archivi del Centro Elaborazione Dati del Ministero dell’Interno (legge 01 aprile 1981, n. 121 – art. 10, 3^ comma)”.

Step 2:

Inserire le generalità complete;

Step 3:

spiegare a quale procedimento ci si riferisce per la richiesta di aggiornamento;

Step 4:

chiedere l’aggiornamento dei dati che riguardano l’interessato, eventualmente esistenti presso il CED e, se essi risultano trattati in violazione di vigenti disposizioni di legge o di regolamento, la loro cancellazione o trasformazione in forma anonima;

inoltre chiedere che le determinazioni assunte vengano comunicate.

 

   

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

Letto 1487 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.


Francesco Pandolfi COACH: la formazione parte dal 1998; tanti i corsi frequentati con docenti a livello internazionale; tra questi si annoverano training specifici sulla comunicazione efficace, p.n.l., psicologia, ipnosi, motivazione ecc. Attualmente si occupa di coaching one to one, seguendo i propri Assistiti (personalmente con incontri diretti o a distanza, tramite Skype) con percorsi studiati su misura in base agli obiettivi che il Cliente desidera raggiungere in qualsiasi settore (esempio: percorsi scolastici a tutti i livelli, programmi alimentari, attività lavorativa ecc...). L'attività intellettuale del coach è disciplinata dalla Legge n. 4 del 14.01.2013 entrata in vigore il 10.02.2013, che detta disposizioni in materia di professioni non organizzate in ordini o collegi.


Francesco Pandolfi MAESTRO: la formazione come praticante, poi come allenatore, istruttore e maestro di Karate Tradizionale ha inizio nel 1982; gli insegnamenti in questa disciplina provengono essenzialmente da Hiroshi Shirai e Taiji Kase, Maestri giapponesi riconosciuti come depositari nel mondo della versione autentica ed originale dell'arte marziale. Il Karate tradizionale è un'attività che mira a formare il carattere della persona, il corpo e lo spirito, attraverso l'allenamento fisico; si tratta di tecniche di autodifesa senza armi che possono supportare una persona attaccata a distanza, la quale viene posta nelle condizioni di difendersi anche utilizzando un solo colpo risolutivo. Le sedute di allenamento sono incentrate sulla preparazione atletica, il kihon, il kata, il kumite, la meditazione e le pratiche di rilassamento.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.