Martedì, 15 Settembre 2020 15:13

Armi, condanne, riabilitazione, affidabilità personale

Scritto da

Un’eventuale condanna penale non è uno sbarramento assoluto per l’autorizzazione a detenere armi. Orientamenti giurisprudenziali sulla questione della riabilitazione.

 

 

 

Armi, condanna e rigetto domanda di rinnovo del porto di fucile uso caccia

Armi, il Tar Calabria imposta la questione della riabilitazione

Armi, il pensiero del Tar Calabria

Armi, l'importanza della pronuncia del TAR

 

 

 

Armi, condanna e rigetto domanda di rinnovo del porto di fucile uso caccia

Spesso una condanna per un reato, soprattutto quando si tratti di delitti, può comportare la preclusione di svolgere determinate attività e/o ottenere determinate licenze/ autorizzazioni.

 

E' così anche in materia di armi, dove una condanna penale ai sensi dell'art. 43 co 1 T.U.L.P.S. preclude per i condannati la possibilità di ottenere la licenza di porto d'armi.

 

Bisogna chiedersi, in ogni caso, quale meccanismo giuridico scatta quando interviene la riabilitazione del condannato.

 

Ebbene, su questo punto le sentenze prospettano una tesi più restrittiva ed un’altra più permissiva (quest’ultima anche detta costituzionalmente orientata), relativamente all'interpretazione letterale da dare all'art. 43 T.U.L.P.S.

 

 

 

Armi, il Tar Calabria imposta la questione della riabilitazione

Con la sentenza n. 390 del 2020 del Tribunale amministrativo per la Calabria pubblicata il 03.06.2020, sezione distaccata di Reggio Calabria (appellata), i giudici amministrativi sono tornati sulla questione del rigetto della domanda di rinnovo del porto di fucile in relazione all’argomento sopra tracciato.

 

Nel caso esaminato il ricorrente, soggetto che nel lontano 2009 era stato imputato in un processo penale, presentava domanda al Questore di Reggio Calabria per il rinnovo del permesso di porto di fucile per caccia che aveva ottenuto nel xxxx e che era scaduto nel xxxxxs.

 

Il Questore, nel provvedimento di rigetto della domanda, motivava lo stesso con la supposta mancanza dei requisiti di affidabilità e specchiata condotta del richiedente.

 

In sostanza, si legge nel provvedimento di rigetto della domanda di rinnovo, pur essendo sopravvenuta la riabilitazione essa non cancellerebbe il disvalore del fatto reato posto alla base della condanna.

 

Da tanto il Questore desumeva una sostanziale pericolosità sociale del richiedente, una minaccia per la pubblica sicurezza.

 

 

 

Armi, il pensiero del Tar Calabria

I giudici amministrativi sostenevano che, pur non essendo configurabile un diritto soggettivo alla detenzione di armi, non si può ritenere sussistente una discrezionalità amministrativa anche quando è intervenuta la riabilitazione del condannato.

 

In sostanza il TAR Calabria fa proprio l'orientamento del Consiglio di Stato che ha previsto un’interpretazione costituzionalmente orientata del divieto di cui al 1 comma dell'art. 43 T.U.L.P.S., norma che postula che il divieto di cui al precedente articolo venga meno in caso di sopravvenuta riabilitazione.

 

Dunque il TAR Calabria accoglieva il ricorso dichiarando come illegittima la valutazione “statica”, ovvero determinata solo dalla presenza del precedente per cui era intervenuta la riabilitazione, cristallizzata nel provvedimento di rigetto emesso dal Questore di Reggio Calabria.

 

Il collegio, quindi, sanzionava l’amministrazione competente in quanto non aveva provveduto a riesaminare se il ricorrente possedesse o meno i requisiti necessari per il rilascio dell’autorizzazione a detenere armi e, in caso negativo, di motivarne più accuratamente le ragioni.

 

 

 

Armi, l'importanza della pronuncia del TAR

Ormai la giurisprudenza più recente è tendenzialmente univoca nell'interpretazione costituzionalmente orientata del 1 comma dell'art. 43 T.U.L.P.S.

 

Il dato fondamentale per giustificare il rigetto di una domanda di rinnovo o rilascio del porto d'armi non può essere il dato storico dell'esistenza di una condanna in capo al richiedente.

 

Quello che andrà verificato, di volta in volta e al momento della presentazione della domanda è se il richiedente possa o meno costituire un pericolo per la pubblica incolumità.

 

 

 

Altre informazioni?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 503 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.