Giovedì, 24 Dicembre 2020 15:03

Fucile uso caccia e parente stretto denunciato

Scritto da

Rigetto dell’istanza di rilascio della licenza di porto di fucile uso caccia, basato su ipotesi di parentela e convivenza con familiare nei confronti del quale risulta reato di minaccia.

  

 

 

Il Ministero dell’Interno può vietare la detenzione delle armi, o il rilascio del porto d’armi, ad un soggetto legato da rapporti di parentela con soggetti controindicati, nel timore che questi possano esigere, vantando diritti morali, aiuto da parte dei propri congiunti anche solo nella fornitura delle armi.

 

Tuttavia, se è dimostrato che il ricorrente, già da qualche tempo, ha una residenza diversa da quella del padre (non solo un diverso indirizzo ma anche un diverso Comune), il provvedimento di rigetto risulterà fondato su un presupposto di fatto del tutto erroneo.

 

Si tratta del caso affrontato e risolto dal Tar Reggio Calabria con la sentenza n. 141/2020, pubblicata in data 02.03.2020.

 

Il succo della vicenda è, in due battute, questo qui, di seguito riassunto nel fatto.

 

Non importa che l’errore sia stato inizialmente indotto dallo stesso interessato il quale, in seno all’istanza di rinnovo del permesso di soggiorno, ha compilato il riquadro relativo alla propria situazione familiare indicando tra i familiari anche il padre, visto che, già dal decreto di citazione diretta a giudizio della Procura della Repubblica, era possibile evincere la diversa residenza del familiare, cosa che avrebbe richiesto, quanto meno, un approfondimento istruttorio preordinato a verificare se vi fossero le condizioni per dubitare della corrispondenza tra la residenza anagrafica ed il domicilio dei due soggetti.

 

Insomma: l’amministrazione avrebbe dovuto approfondire e non lo ha fatto.

 

Per questo motivo il ricorso della parte privata è stato accolto.

 

 

 

Chiedi una consulenza legale

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 3320 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.