Stampa questa pagina
Domenica, 03 Gennaio 2021 14:28

Porto di fucile e parenti pregiudicati: soluzione problemi

Scritto da

In tema di diniego di rinnovo di licenza di porto di fucile per uso caccia e divieto di detenzione di armi, episodi estranei al richiedente non posso avere conseguenze negative per lui.

 

 

 

Di recente il Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana ha indicato come inammissibile che, da episodi estranei al soggetto richiedente la licenza derivino conseguenze per lui negative, diverse e ulteriori rispetto a quelle previste dalla Legge e che non rivelino un’effettiva mancanza di requisiti o di qualità richieste per il conseguimento o il rinnovo dell’autorizzazione di polizia.

 

In effetti, se così fosse, il Ministero dell’Interno finirebbe per creare una sorta di sanzione extralegale, spingendosi oltre i confini stabiliti dalla Legge.

 

E ciò non è permesso dal nostro attuale Ordinamento.

 

Il riferimento del Consiglio è ai casi in cui l’amministrazione dice no sul rinnovo della licenza perché la persona interessata ha, o aveva, legami parentali con altri soggetti gravati o pregiudicati.

 

Il Collegio, per chiarire il concetto, ha spiegato alcuni particolari utili.

 

Pur ovviamente non ignorando che nel settore delle licenze di pubblica sicurezza, allo scopo di giustificare un diniego di licenza non è necessario un accertamento di responsabilità penale, allo stesso tempo ha segnalato che è opportuno verificare la condizione di incensuratezza del ricorrente e il fatto che non vengono contestati comportamenti caratterizzati da pericolosità sociale, o da cointeressenze specifiche dirette con ambienti malavitosi.

 

Importante, prosegue il Consiglio di Giustizia, anche il fatto che il comportamento del ricorrente, magari titolare di licenza di porto di fucile per uso caccia da diversi anni, non ha mai dato àdito a sospetti.

 

Insomma, non è consentito rifiutare il rilascio o il rinnovo della licenza limitandosi a richiamare legami parentali o di affinità con soggetti controindicati, senza valutare i fatti, cioè senza valutare in concreto l’incidenza della situazione in ordine al giudizio di affidabilità sul non abuso delle armi.

 

Inoltre l’ufficio amministrativo non può neppure negare la licenza richiamandosi al principio del più probabile che non supponendo, per esempio, che quelle frequentazione vi fossero e vi siano.

 

In sostanza: con la sua decisione il Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana ha confermato la bontà dell’antecedente sentenza del Tar Sicilia in materia di diniego di rinnovo di licenza di porto di fucile per uso caccia e divieto di detenzione di armi; ha rigettato l’appello proposto dal Ministero dell’Interno che è stato anche condannato alle spese di lite (sentenza n. 1004/2020).

 

 

 

Chiedi una consulenza legale

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 2105 volte
Francesco Pandolfi e Alessandro Mariani

Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

 

Francesco Pandolfi AVVOCATO

Lo studio Pandolfi Mariani è stato fondato dall’avvocato Francesco Pandolfi.

Egli inizia la sua attività nel 1995; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Si è occupato prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni.

E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili".

La sua Missione era e continua ad essere con lo studio da lui fondato: "aiutare a risolvere problemi giuridici".

Riteneva che il più grande capitale fosse la risorsa umana e che il più grande investimento, la conoscenza. Ha avuto l'opportunità di servire persone in tutta Italia.

I tratti caratteristici della sua azione erano: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

Tutto questo resta, lo studio da lui fondato continua l’attività con gli avvocati e i collaboratori con i quali ha sempre lavorato nel corso degli anni e ai quali ha trasmesso tutte le sue competenze.

 

 

Alessandro Mariani Avvocato

data di nascita: 08/04/1972

 

Principali mansioni e responsabilità: 
Avvocato
Consulenza legale e redazione atti giudiziari per il recupero del credito (Decreto Ingiuntivo e Costituzione nelle opposizioni);
Attività giudiziale e stragiudiziale con apertura di partita iva ed iscrizione alla casa forense;
Iscrizione nell’Albo degli Avvocati stabiliti di Latina dal 26/4/2012.

 

 

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3292767858