Domenica, 07 Febbraio 2021 15:54

Dipendenti provenienti da ruoli militari: recupero di somme

Scritto da
 

 

L'Amministrazione, nel procedere al recupero di somme indebitamente erogate ai propri dipendenti, deve effettuare il recupero al netto delle ritenute fiscali, previdenziali e assistenziali.

 

 

 

Dipendenti o ex dipendenti della Croce Rossa provenienti dai ruoli militari hanno avuto un contenzioso legato alla mancata corresponsione di adeguamenti stipendiali da parte dell’Ente, a seguito di avanzamenti di carriera.

 

Ad un certo punto il Commissario straordinario della CRI ha emanato le Ordinanze di riconoscimento ai dipendenti degli importi relativi ai suddetti adeguamenti stipendiali e sono state stipulate le transazioni con ciascuno di loro.

 

Tuttavia, questi provvedimenti sono stati annullati con efficacia ex tunc con un’ulteriore Ordinanza a fronte, sembra, della violazione di una nota del Ministero della Sanità.

 

L’Amministrazione ha inviato agli interessati la richiesta di restituzione delle somme pagate erroneamente entro e non oltre 30 giorni, spiegando che la somma versata al lordo delle ritenute erariali poteva essere dedotta nella dichiarazione dei redditi nell’anno successivo rispetto all’anno dell’effettivo versamento.

 

I dipendenti, dal canto loro, chiedono l’annullamento di tali provvedimenti di recupero dell’Ente Strumentale alla Croce Rossa, soprattutto per la illegittimità ed erroneità della richiesta di restituzione di somme con importi calcolati al lordo delle ritenute fiscali.

 

Il tribunale da ragione ai ricorrenti.

 

Vediamo perché.

 

Dice il Tar: costituisce jus receptum che l’Amministrazione, nel procedere al recupero di somme indebitamente erogate ai propri dipendenti, deve eseguire detto recupero al netto delle ritenute fiscali, previdenziali e assistenziali; non può invece pretendere di ripetere le somme al lordo delle ritenute fiscali, previdenziali e assistenziali, allorché le stesse non siano mai entrate nella sfera patrimoniale del dipendente.

 

Sul punto, il Consiglio di Stato ha precisato che l'Amministrazione, nel procedere al recupero di somme indebitamente erogate ai propri dipendenti, deve effettuare il recupero al netto delle ritenute fiscali, previdenziali e assistenziali, giacché è al netto di queste ritenute che gli emolumenti in più sono stati corrisposti, e la ripetizione dell'indebito deve necessariamente riferirsi soltanto alle somme effettivamente percepite in eccesso.

 

La ripetizione dell'indebito nei confronti del dipendente, da parte dell'Amministrazione, non può non avere ad oggetto le somme da quest'ultimo percepite in eccesso, ossia quanto e solo quanto effettivamente sia entrato nella sfera patrimoniale del dipendente, non potendosi, invece, pretendere la ripetizione di somme al lordo delle ritenute fiscali (previdenziali e assistenziali).

 

Inoltre, in caso di richiesta di restituzione di somme erogate ai propri dipendenti in buona fede, la pubblica amministrazione deve tenere conto della natura degli importi di volta in volta richiesti in restituzione, delle cause dell’errore che aveva portato alla corresponsione delle somme in contestazione, del lasso di tempo trascorso tra la data di corresponsione e quella di emanazione del provvedimento di recupero, dell’entità delle somme corrisposte in riferimento alle correlative finalità, e adattare le modalità di recupero di conseguenza.

 

In particolare, in caso di legittimo affidamento del dipendente, la giurisprudenza richiede che l’atto di recupero avvenga con modalità tali da essere meno gravoso possibile, perseguendo l’interesse pubblico con il minor sacrificio in capo al privato, ossia incidendo in misura non eccessivamente onerosa sulle esigenze di vita del dipendente.

 

Un equo temperamento delle esigenze del pubblico dipendente e del potere-dovere dell’amministrazione di procedere al recupero di quanto corrisposto può rinvenirsi in un sistema di rateizzazione dell’indebito che, per l’arco temporale per esso previsto, sia tale da non pregiudicare il soddisfacimento dei normali bisogni di vita del dipendente e della sua famiglia.

 

 

 

Vuoi altre informazioni?

Manda un messaggio all'avvocato Francesco Pandolfi    3286090590

mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 173 volte Ultima modifica il Domenica, 07 Febbraio 2021 16:05
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.