Sabato, 06 Marzo 2021 09:26

Violazione codice della strada e divieto detenzione armi

Scritto da

Da una singola violazione del codice stradale per guida alterata non può conseguire automaticamente un divieto di detenzione delle armi.

 

 

 

In generale, sappiamo bene che il porto d’armi non è oggetto di un diritto assoluto, ma rappresenta invece un’eccezione a quello che è un normale divieto.

 

Il porto d’armi può essere riconosciuto solo quando c’è la perfetta e completa sicurezza circa il loro buon uso.

 

Questo fa sì che vengano scongiurati dubbi o perplessità, sotto il profilo prognostico, per l’ordine pubblico e per la tranquilla convivenza della collettività.

 

Quanto sopra detto è la regola generale.

 

Andiamo ora ai casi particolari, dal momento che ciascun caso è un caso a sé e come tale va esaminato.

 

Per esempio: immaginiamo un diniego del rilascio di licenza per porto di fucile per uso caccia collegato a una denuncia di qualche anno fa a carico della persona interessata, magari per guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti; inoltre che il procedimento penale si sia concluso con sentenza di assoluzione perché il fatto non sussiste, in ragione della inutilizzabilità dei prelievi ematici effettuati sul paziente dai sanitari senza il suo consenso, ciò che ne ha precluso l’utilizzo in sede processuale.

 

A voler spingere con l’immaginazione, poniamo inoltre che si sia verificato un incidente stradale, tra il conducente di altra autovettura che non ha rispettato la precedenza e l’interessato in questione, il quale a sua volta viaggiava ad una velocita non adeguata all’orario e al traffico.

 

Stiamo ipotizzando fatti vecchi, indietro nel tempo di diversi anni.

 

Ora, se l’amministrazione non tiene in considerazione questa anzianità dei fatti citati e, anzi, sostiene che gli stessi sono indice di indole imprudente ed irresponsabile, sbaglia.

 

Infatti, bisogna tenere presente che i giudici costantemente ripetono come da una singola violazione del codice stradale per guida alterata non può conseguire automaticamente anche un divieto generale di detenzione delle armi, specie quando la motivazione del divieto non supporta adeguatamente un giudizio di pericolosità sociale dell'interessato per l'ordine e la sicurezza pubblica.

 

Diverse sono le pronunce che richiamano questo basilare concetto; tra le tante qui segnaliamo la sentenza del Tar Lombardia Sez. prima n. 288/2021 pubblicata in data 29.01.2021.

 

Sentenza dove il tribunale ha annullato il diniego del Questore ed ha condannato l’amministrazione a restituire al ricorrente quanto pagato per il contributo unificato.

 

 

 

Altre informazioni?

Vuoi una consulenza?

Messaggio: 3286090590

mail: studiopandolfimarianiQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 2465 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.