Martedì, 09 Marzo 2021 08:04

Armi precedenti penali riabilitazione: cosa fare?

Scritto da
 

 

In caso di condanna per reati contro l’ordine pubblico, quando interviene la riabilitazione la licenza “può” essere ricusata.

 

 

 

Un giudice di primo grado accoglie un ricorso.

 

La persona interessata sostiene che il provvedimento del Questore, di rigetto dell’istanza di rinnovo di porto di fucile uso caccia è viziato, in quanto l’Amministrazione ha violato un criterio di ragionevolezza, decidendo per il diniego dopo che l’interessato ha goduto del porto d’armi per svariati anni.

 

In pratica la Questura ritiene i precedenti penali di per sé ostativi al rilascio della licenza, questo nonostante l’intervenuta riabilitazione.

 

Il tribunale dà ragione alla parte privata e torto al Ministero.

 

L’Amministrazione non ci sta e presenta allora l’appello, opponendo l’applicabilità dell’articolo 43, comma 1, lettera b) TULPS, che consente di ritenere ostativa la condanna per il reato specifico.

 

La causa viene quindi portata all’attenzione del Consiglio di Stato, il quale afferma che nel nuovo assetto normativo, in caso di condanna per reati contro l’ordine pubblico, qualora sia intervenuta la riabilitazione la licenza può essere ricusata.

 

Ciò significa che non esiste più il precedente meccanismo automatico in forza del quale, nonostante la riabilitazione, la condanna per un reato in materia di ordine pubblico è inderogabilmente ostativa al rilascio della licenza.

 

Si tratta di una norma nuova che esprime un criterio di ragionevolezza ed è applicabile anche alle fattispecie precedenti l’entrata in vigore della novella legislativa.

 

In sostanza, quando si verifica un caso come quello deciso dal Consiglio di Stato con la sentenza n. 1543/2021 pubblicata in data 22.02.2021, il suggerimento che sui può dare è di chiedere una rapida consulenza ad un avvocato specializzato in diritto amministrativo delle armi, il quale sarà in grado di indicare la corretta impostazione da dare al ricorso o all’eventuale appello, laddove l’Amministrazione si comporti come si è comportata nella circostanza sopra illustrata.

 

 

 

Altre informazioni?

Vuoi una consulenza?   avvocato risponde

Messaggio: 3286090590   

mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 2064 volte Ultima modifica il Martedì, 09 Marzo 2021 08:13
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.