Domenica, 14 Marzo 2021 15:53

Divieto detenzione armi: eccesso di potere del Ministero dell’Interno

Scritto da

Disciplina delle autorizzazioni di polizia in materia di armi e munizioni. Valutazioni in ambito penale e amministrativo. 

 

 

 

Esistono numerosi casi dove le Prefetture adottano il divieto di detenzione armi semplicemente basandosi su dati ed informazioni di tipo penale, che provengono ad esempio da un esposto, una denuncia o dal fatto che una persona riveste la qualità di indagato, senza però verificarne autonomamente il contenuto.

 

Si tratta di un passaggio decisivo, dal momento che la Legge non ammette in alcun caso, in questa materia, valutazioni amministrative appiattite su ipotesi penali tutte da verificare.

 

A ricordare il fondamentale principio questa volta è il Tar per la Calabria Sez. Prima, con la sentenza n. 529/21 pubblicata in data 11.03.2021.

 

Seguendo l’input del tribunale basterebbe, volta per volta, osservare questo chiaro criterio orientativo per evitare l’emissione di divieti detenzione sbagliati.

 

La cosa da ricordare è che, quando questo si verifica, l’autorità di p.s. può essere portata in giudizio e al giudice si può chiedere di verificare l’eccesso di potere dalla stessa esplicitato nel caso specifico.

 

In sintesi: stando alla disciplina delle autorizzazioni di polizia in materia di armi e munizioni se, per un verso, l'Autorità di pubblica sicurezza può, nell’assumere le relative determinazioni, apprezzare discrezionalmente, quali indici rivelatori della possibilità d'abuso delle armi, fatti o episodi anche privi di rilievo penale, indipendentemente dalla riconducibilità degli stessi alla responsabilità dell'interessato, per altro verso l'ampio potere detenuto in materia dall'Amministrazione deve essere tuttavia esercitato nel rispetto dei canoni tipici della discrezionalità amministrativa, sia sotto il profilo motivazionale, che sotto il profilo della coerenza logica e ragionevolezza.  

 

Quindi, concludendo: il Prefetto non può travisare i fatti, deve approfondire autonomamente gli stessi fatti dedotti nel penale, non può sconfinare nell’arbitrio quando decide di emettere il divieto, la sua decisione deve essere coerente, logica e ragionevole.

 

Mentre il privato, quando si trova di fronte ad un divieto palesemente eccessivo, ha tutto l’interesse a presentare prima il ricorso gerarchico e, nel caso in cui il Ministero non dovesse rispondere per tempo o in caso di rigetto, portare senza indugio il caso davanti il Tar, dove i membri del Collegio sapranno criticare la scelta amministrativa, così come del resto è accaduto in occasione della sentenza 529.

 

 

 

Vuoi una consulenza?

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 3833 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.