Lunedì, 05 Aprile 2021 16:43

Segnalazione abuso edilizio

Scritto da

Tar Campania Napoli, Sez. 8, sentenza n. 859/21 del 10.02.2021. Silenzio dell’Amministrazione. Illegittimità. Ricorso.

 

 

 

Denuncia di abuso edilizio

L’interesse del confinante

Gli obblighi dell’Amministrazione

Come fare ricorso

Chiedi una consulenza

 

 

 

Denuncia di abuso edilizio

Un proprietario confinante può presentare una denuncia di abuso edilizio commesso dal vicino?

L’Amministrazione comunale ha l’obbligo di provvedere su questo tipo di segnalazione?

 

 

 

L’interesse del confinante

A queste ed altre domande ha risposto il Tribunale amministrativo di Napoli con la sentenza 859.

Non solo il confinante può segnalare l’abuso ma può pretendere che il Comune dove ha denunciato l’abuso, nel caso sia rimasto in silenzio, si attivi con l’esercizio di poteri ripristinatori e repressivi, ovviamente purché venga accertato l’abuso edilizio.

 

 

 

Gli obblighi dell’Amministrazione

Dunque c’è un preciso obbligo dell'Amministrazione comunale di provvedere sull'istanza di repressione di abusi edilizi realizzati sul terreno confinante, formulata dal relativo proprietario, il quale gode di una legittimazione differenziata rispetto alla collettività, subendo gli effetti nocivi immediati e diretti della commissione dell'eventuale illecito edilizio non represso nell'area limitrofa alla sua proprietà.

Il Comune deve provvedere sulla diffida, in senso negativo o positivo verificando se esiste o non esiste l’illecito, ma deve provvedere; inoltre deve definire il procedimento.

Il denunciante è titolare di una posizione di interesse legittimo all'esercizio dei tali poteri di vigilanza e, quindi, può proporre l'azione legale a seguito dell’eventuale silenzio mantenuto dall’Amministrazione comunale.

 

 

 

Come fare ricorso

In questi casi si procede con la notifica di un ricorso avverso il silenzio, fintanto che perdura l'inadempimento e, comunque, non oltre un anno dalla scadenza del termine di conclusione del procedimento avviato con la diffida iniziale di segnalazione dell’abuso edilizio.

 

 

 

Chiedi una consulenza

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 111 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.