Sabato, 17 Luglio 2021 10:47

Armi: Ministro dell’Interno non esegue ordine del giudice

Scritto da

Cosa succede a livello processuale se la Prefettura o la Questura restano inerti di fronte alla sentenza del Tar.

 

 

 

Quando un tribunale si pronuncia su una determinata questione in materia di armi, la sentenza definitiva deve essere eseguita da chi ha perso la causa.

 

Non esiste che la parte soccombente rimanga in silenzio rispetto a quanto impartito dal collegio giudicante.

 

Mettiamo ora il caso che sia l’amministrazione, parte soccombente, a dover eseguire quanto stabilito dal Tar.

 

Se il Ministero e, per esso, la sua articolazione Prefettura o Questura, si ostina a rimanere fermo senza fare nulla, ecco che è il momento per la parte vittoriosa di attivarsi e chiedere l’esecuzione della sentenza e, quando è opportuno, anche la nomina di un Commissario ad acta.

 

E’, nè più nè meno, quello che si è verificato in occasione di una sentenza pronunciata dal Tar Calabria.

 

Qui il tribunale [1] aveva per tre volte, con tre diverse sentenze, annullato i provvedimenti impugnati dalla parte privata, relativi ad un divieto di detenzione armi e alla revoca della licenza di porto di pistola per difesa personale.

 

Eppure il Ministero aveva ostinatamente mantenuto il silenzio, scegliendo di non eseguire l’ordine giudiziale.

 

Chiaro che, di fronte ad un atteggiamento così trascurato, il Ministero doveva essere anche condannato alle spese, cosa che per altro puntualmente si è verificata.

 

Infine, una cosa importante per chiudere: la sentenza di cui si è chiesta l’ottemperanza aveva chiarito che l’effetto conformativo della pronuncia comporta che l’amministrazione si astenga dal reiterare il divieto annullato.

 

Insomma: l'amministrazione non può dire no all'infinito.

 

 

 

[1] Tar per la Calabria Sez. Prima, sentenza n. 1365 del 05.07.2021.

 

 

 

Chiedi una consulenza

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 674 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.