Lunedì, 26 Luglio 2021 12:49

Rinnovo porto d’armi uso caccia: quando non è ricevibile?

Scritto da

Casi in cui il Questore può dichiarare l’irricevibilità dell’istanza di rinnovo del porto di fucile uso caccia. Rimedi.

 

 

 

avvocato francesco pandolfi

 

 

 

Se ti è capitato di presentare l’istanza per il rinnovo del porto d’armi ad uso caccia ed hai visto che la Questura, putacaso, l’ha dichiarata irricevibile, potrebbe averlo fatto in quanto a monte hai un divieto di detenzione armi emesso dalla Prefettura.

 

Potrebbe sembrare un’ovvietà ma, in realtà, non lo è, dal momento che molte volte ricevo pratiche di questo tipo e gli assistiti non sanno il perché dell’emissione della dichiarazione di irricevibilità.

 

Andiamo sul pratico.

 

Immaginiamo che qualche anno fa hai avuto questioni in sede penale: per esempio, un deferimento all’A.G. per reati che fanno dubitare dei tuoi requisiti di affidabilità e sicurezza in materia di armi.

 

Pensiamo a reati come la rissa, lesioni, ingiurie, minacce, ubriachezza, danneggiamento e così via.

 

Con una vicenda a monte di questo tipo, la Prefettura certamente avrà imposto il divieto di detenzione armi.

 

Ora, nella vigenza del divieto, la questura non può procedere al rilascio del titolo di polizia siccome potresti violare il predetto divieto imposto a suo tempo dal prefetto.

 

Quindi, in questi casi quello che fa la Questura è semplicemente decretare l’irricevibilità della domanda di rinnovo.

 

Infatti la Legge dice che: ove il procedimento consegua obbligatoriamente ad un’istanza ovvero debba essere iniziato d’ufficio, le pubbliche amministrazioni hanno il dovere di concluderlo mediante l’adozione di un provvedimento espresso. Se ravvisano la manifesta irricevibilità, inammissibilità, improcedibilità o infondatezza della domanda, le pubbliche amministrazioni concludono il procedimento con un provvedimento espresso redatto in forma semplificata, la cui motivazione può consistere in un sintetico riferimento al punto di fatto o di diritto ritenuto risolutivo.

 

In sostanza, lo fa con un decreto che, di per sé, sarebbe pure ricorribile.

 

Il problema però è che non ti conviene proporre ricorso sul decreto di irricevibilità, dal momento che sotto sotto c’è sempre l’ostacolo del pesante divieto del Prefetto.

 

Allora, ciò che ti conviene fare è studiarti per bene il contenuto del divieto di detenzione armi e presentare al Prefetto un’istanza motivata di riesame in autotutela, con la quale potrai chiedere la rimozione del divieto.

 

Non mi stancherò mai di ripetere l’importanza di scrivere bene l’istanza di riesame.

 

Certamente, come ben sai, si tratta di un atto che può anche essere presentato senza l’assistenza dell’avvocato.

 

Il problema, però, è che se trascuri alcuni passaggi tecnici rischi di fare ripetutamente un buco nell’acqua, in quanto in Prefettura hanno più che ottime conoscenze giuridiche, oltre ovviamente a disporre di tutti gli elementi di fatto per negare la tua domanda.

 

Detto tra noi: ne ho visti parecchi di casini per aver presentato l’istanza senza l’aiuto dell’avvocato.

 

Ecco perché, in ultima analisi, consiglio sempre di affidarti ad un difensore per la scrittura e l’inoltro di questa particolare istanza.

 

 

 

Vuoi assistenza legale?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

avvocato risponde

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Letto 963 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.