Giovedì, 23 Settembre 2021 19:15

Fucile uso caccia e reati di pericolo

Scritto da

Da una singola violazione del codice stradale per guida alterata, non può scattare automaticamente il divieto generale di detenzione delle armi.

 

 

 

Il Questore revoca la tua licenza di porto di fucile per uso caccia.

 

Il provvedimento nasce da un unico episodio di guida in stato di ebbrezza alcolica, accertato dalla Polizia Stradale, per il quale sei stato successivamente condannato con il rito del patteggiamento.

 

Una volta avviata la pratica amministrativa, tu hai spiegato che si è trattato di un unico ed isolato episodio di guida in stato di ebbrezza.

 

Il tribunale ti dà ragione ed annulla il provvedimento del Questore.  

 

Il perché è presto spiegato: in pratica l'episodio in cui sei stato controllato alla guida in uno stato di alterazione psicofisica è rimasto isolato, non essendo incorso in ulteriori condotte tali da far nascere dubbi sulla tua idoneità all'uso delle armi, fatto che l'Amministrazione non ha tuttavia valutato.

 

Non solo: oltre ad avere riconosciuto l'assunzione di alcol, hai prodotto documentazione che conferma la tua astensione dall'abuso di alcolici e l'occasionalità dell'evento contestato dall'amministrazione.

 

Insomma: da una singola violazione del codice stradale per guida alterata, non può conseguire automaticamente anche un divieto generale di detenzione delle armi, quando la motivazione non supporta adeguatamente il giudizio di pericolosità sociale per l'ordine e la sicurezza pubblica.

 

Per questo i magistrati annullano il provvedimento del Questore e tu vinci la causa [1].

 

Questo è un caso dove la revoca del Questore è esagerata ed è un caso sicuramente utile da tenere in considerazione viste le numerose volte in cui si manifestano, nella pratica quotidiana, questo tipo di situazioni.

 

La morale è: in presenza di una revoca di licenza sotto questa forma, bisogna presentare il ricorso senza indugio.

 

 

 

[1] Tar Milano Sezione 1, sentenza n. 1840 del 27.07.2021.

 

 

 

Chiedi consulenza legale

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Letto 859 volte Ultima modifica il Giovedì, 23 Settembre 2021 19:18
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.