Giovedì, 25 Novembre 2021 12:51

Armi: casi di eccesso di potere della Questura

Scritto da

Incontrare occasionalmente un pregiudicato non significa, in automatico, che si perde il requisito dell’affidabilità in materia di armi.  

 

 

 

Da anni hai la licenza di porto di fucile ad uso caccia.

 

Il Questore però, ad un certo punto ti nega il rinnovo della licenza.

 

Lui dice che saresti stato controllato in compagnia di numerosi soggetti controindicati e questo fatto deporrebbe negativamente per la tua affidabilità.

 

Tu, invece, facendo ricorso, sostieni che non c’è prova della tua vicinanza con persone segnalate o con precedenti.

 

Tra l’altro, il Questore nel suo provvedimento non dice neppure chi sono questi soggetti, cioè non è in grado di indicare neppure il nome.

 

Avviata la causa al Tar, i giudici accolgono il tuo ricorso [1], per il semplice fatto che nel provvedimento non si trova alcun elemento idoneo per poter dimostrare il carattere assiduo e stabile della frequentazione con i soggetti pregiudicati, di cui non si indicano neppure le generalità.

 

Insomma, una situazione dove oggettivamente è impossibile stabilire se queste segnalazioni siano indicative di una frequentazione o siano incontri occasionali, se i pregiudizi penali a carico degli individui siano antecedenti o successivi alla data dei controlli, se i procedimenti penali cui sono stati sottoposti gli stessi individui si siano conclusi con una sentenza di condanna o di assoluzione.

 

In definitiva è tutto vero: l’amministrazione con la discrezionalità di cui dispone sembra che possa fare e disfare, dire tutto e il contrario di tutto; ma è altrettanto vero che quando valuta lo deve fare attenendosi ai dati oggettivi di cui dispone.

 

Svolgere bene l’istruttoria, per esempio, è un aspetto fondamentale di cui i giudici tengono conto e sanno dire bene quando questa manca a danno del cittadino.

 

 

 

[1] Tar Calabria Sez. Prima, sentenza n. 2065/2021 pubblicata il 22.11.2021.

 

 

 

Vuoi assistenza legale?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Letto 845 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.