Venerdì, 08 Aprile 2022 16:21

Mi hanno sospeso il porto d’armi a tempo indefinito: come è possibile?

Scritto da

La Legge non permette la sospensione del porto d’armi uso caccia senza indicazione del termine finale del provvedimento.

 

 

 

 

La Questura a un certo punto ti sospende il porto d’armi uso caccia a causa di una tua condanna penale.

 

La cosa curiosa, però, è che te lo sospende senza informarti sul termine finale di questa sospensione a sorpresa.

 

Non solo: ti notifica la sospensione nel 2021, che in realtà è stata adottata nel 2019 per un reato di violenza privata del 2017.

 

Chi ci capisce è bravo con questo Ufficio.

 

Comunque: ti metti subito al lavoro per presentare il ricorso contro questo strano provvedimento e ti rivolgi al tribunale amministrativo, che ti dà ragione in pieno [1].

 

In effetti, dicono i giudici, mica la Questura può sospendere a suo piacimento senza specificare il termine di durata della sospensione cautelare.

 

La sospensione serve infatti solo come intervento urgente e provvisorio per risolvere una situazione di specifica gravità.

 

Nel tuo caso, invece, niente di tutto questo: il reato è del 2017, la sospensione è del 2019 e la notifica è del 2021.

 

Insomma: un pastrocchio amministrativo da parte del Questore e una smarcata violazione della Legge 241/90.

 

In conclusione: secondo il tribunale il provvedimento di sospensione può essere adottato solo per il tempo strettamente necessario e, soprattutto, deve riportare il termine della sospensione stessa.

 

 

 

 

 

[1] Tar Toscana Sez. Seconda, sentenza n. 17/22 pubblicata il 14.01.2022.

 

 

 

 

 

Vuoi assistenza legale?

Contatta lo studio legale Pandolfi Mariani

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Letto 2093 volte Ultima modifica il Martedì, 23 Agosto 2022 18:09
Francesco Pandolfi e Alessandro Mariani

Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

 

Francesco Pandolfi AVVOCATO

Lo studio Pandolfi Mariani è stato fondato dall’avvocato Francesco Pandolfi.

Egli inizia la sua attività nel 1995; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Si è occupato prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni.

E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili".

La sua Missione era e continua ad essere con lo studio da lui fondato: "aiutare a risolvere problemi giuridici".

Riteneva che il più grande capitale fosse la risorsa umana e che il più grande investimento, la conoscenza. Ha avuto l'opportunità di servire persone in tutta Italia.

I tratti caratteristici della sua azione erano: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

Tutto questo resta, lo studio da lui fondato continua l’attività con gli avvocati e i collaboratori con i quali ha sempre lavorato nel corso degli anni e ai quali ha trasmesso tutte le sue competenze.

 

 

Alessandro Mariani Avvocato

data di nascita: 08/04/1972

 

Principali mansioni e responsabilità: 
Avvocato
Consulenza legale e redazione atti giudiziari per il recupero del credito (Decreto Ingiuntivo e Costituzione nelle opposizioni);
Attività giudiziale e stragiudiziale con apertura di partita iva ed iscrizione alla casa forense;
Iscrizione nell’Albo degli Avvocati stabiliti di Latina dal 26/4/2012.

 

 

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3292767858

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.