Giovedì, 06 Luglio 2017 22:41

Il danno punitivo

Scritto da

 

Un tipo di danno sino ad ora ignorato dalla Legge italiana e che adesso potrebbe affacciarsi nel nostro Ordinamento dopo la recente sentenza della Cassazione, sezioni unite civili, la n. 16601 del 5 luglio 2017. 

Che cos’è il danno punitivo

E’ una somma risarcitoria aggiuntiva rispetto alla somma che normalmente viene pagata alla persona per un risarcimento richiesto in causa.

Nell’ordinamento anglosassone questi danni sono conosciuti come punitive damages.

In pratica si tratta della possibilità accordata alla vittima di ricevere un risarcimento in più rispetto alle somme che di solito vengono riconosciute dal Giudice, nel caso la condotta del colpevole sia stata portata avanti con dolo o colpa grave.

 

Perché questi danni non sono ancora riconosciuti da noi

Attualmente, il nostro ordinamento impedisce di riconoscere una posta di danno di questo tipo, in quanto il diritto ad avere un risarcimento in Italia è solo collegato al pregiudizio che si subisce per effetto della lesione: non è in alcun modo messo in relazione a finalità punitive.

Inoltre, non è consentito neppure l’arricchimento se non esiste una precisa causa che sia idonea a giustificare uno spostamento patrimoniale da un soggetto ad un altro.

 

Cosa dice di nuovo la Cassazione

La Suprema Corte prende spunto da tre sentenze pronunciate negli Stati Uniti in occasione di una causa per risarcimento danni da incidente stradale e mette in risalto un principio: le regole che governano la responsabilità civile non hanno solo il compito di compensare la vittima con una somma, in quanto sono posizionate all’interno del sistema più generale chiamato a far funzionare la deterrenza e la sanzione.

Si intravede quindi un’apertura.

L’unica questione da risolvere rimane, per la Corte, il fatto che la sentenza straniera deve essere agganciata ad una norma che descriva in anticipo il tipo di lesione risarcibile e la quantità di risarcimento che può essere assegnata alla vittima dell’evento.

Le Sezioni Unite della Cassazione questa volta ci danno una nuova definizione di ordine pubblico, criterio che è importante per impedire l’applicazione indiscriminata della legge straniera nel nostro sistema di regole.

Questo criterio guida viene tenuto presente dai Giudici supremi, i quali si muovo verso una maggiore apertura rispetto alle leggi comunitarie, per trovare un punto di equilibrio tra il controllo sull’ingresso di norme incoerenti con il nostro ordinamento e la funzione promozionale di valori tutelati dal diritto internazionale.

 

In pratica

Se da una parte la Corte ci mostra una vera e propria apertura verso la possibilità di adottare un nuovo ed aggiuntivo criterio per valutare e risarcire i danni, dall’altra questo atteggiamento non può essere confuso con l’autorizzazione immediata a poter rivendicare questa voce di danno ed avere successo in causa.

 

In sintesi: serve pazienza, almeno per il momento.

Per arrivare ad un’applicazione di questo interessante principio su larga scala c’è bisogno di un intervento del Legislatore, di una nuova legge, ecco tutto.

A sua volta, questa nuova legge dovrà superare lo sbarramento posto dall’art. 23 della Costituzione italiana, per il quale “nessuna prestazione personale o patrimoniale può essere imposta se non in base alla legge”.

Quello che importa per noi, operatori del diritto e cittadini italiani, è che per il momento una breccia si è aperta nel sistema di leggi italiano.

Vediamo, nei mesi a seguire, come evolverà la vicenda e se realmente sarà possibile importare il nuovo criterio nei processi risarcitori di casa nostra.

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l’avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 4065 volte Ultima modifica il Domenica, 05 Novembre 2017 19:11
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.


Francesco Pandolfi COACH: la formazione parte dal 1998; tanti i corsi frequentati con docenti a livello internazionale; tra questi si annoverano training specifici sulla comunicazione efficace, p.n.l., psicologia, ipnosi, motivazione ecc. Attualmente si occupa di coaching one to one, seguendo i propri Assistiti (personalmente con incontri diretti o a distanza, tramite Skype) con percorsi studiati su misura in base agli obiettivi che il Cliente desidera raggiungere in qualsiasi settore (esempio: percorsi scolastici a tutti i livelli, programmi alimentari, attività lavorativa ecc...). L'attività intellettuale del coach è disciplinata dalla Legge n. 4 del 14.01.2013 entrata in vigore il 10.02.2013, che detta disposizioni in materia di professioni non organizzate in ordini o collegi.


Francesco Pandolfi MAESTRO: la formazione come praticante, poi come allenatore, istruttore e maestro di Karate Tradizionale ha inizio nel 1982; gli insegnamenti in questa disciplina provengono essenzialmente da Hiroshi Shirai e Taiji Kase, Maestri giapponesi riconosciuti come depositari nel mondo della versione autentica ed originale dell'arte marziale. Il Karate tradizionale è un'attività che mira a formare il carattere della persona, il corpo e lo spirito, attraverso l'allenamento fisico; si tratta di tecniche di autodifesa senza armi che possono supportare una persona attaccata a distanza, la quale viene posta nelle condizioni di difendersi anche utilizzando un solo colpo risolutivo. Le sedute di allenamento sono incentrate sulla preparazione atletica, il kihon, il kata, il kumite, la meditazione e le pratiche di rilassamento.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.