Sabato, 17 Ottobre 2020 14:12

Cashback: lo Stato ti premia se non usi il contante

Scritto da

Pagamenti elettronici. In arrivo il sistema Cashback: 300 euro di rimborso annuale se paghi con la card di plastica invece di pagare con denaro contante. Regole e problemi di privacy.

 

 

 

Siamo ormai quasi definitivamente arrivati al cashback statale: in pratica lo Stato cerca affannosamente di far emergere la base imponibile italiana legata agli acquisti e, quindi, alle relative transazioni commerciali.

 

Per riuscire nell’intento, sta mettendo in funzione una pratica già nota nel mondo del commercio, ossia il cashback.

 

Molto semplicemente: chi aderisce può beneficiare, a fine anno, di un bonifico di 300 euro, una sorta di premio per aver partecipato a questo programma.

 

Il fine dovrebbe essere quello di azzerare, progressivamente, l’uso del contante, a favore del sempre crescente utilizzo delle carte di debito e di credito.

 

Chi ci guadagna?

 

Sicuramente lo Stato, perché aumenterà la base imponibile, combattendo con più forza l’evasione fiscale.

 

Ma anche le banche, perché vedranno crescere sempre di più il loro business legato ai pagamenti elettronici.

 

Il cittadino pure, ma guadagna solo 300 euro per anno.

 

Sull’intero progetto il Garante della Privacy ha detto la sua con un importante parere tecnico, dove ha segnalato tutti i rischi di una diffusione massiva dei dati di ciascuna singola transazione, rischi legati alla conoscenza indiscriminata di tutta una serie di dati personali dell’acquirente/cittadino.

 

Il parere, in ogni caso, dopo aver analizzato tutte le criticità, si chiude a favore del programma di cashback.

 

https://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/9466707.

 

Comunque, il programma è congegnato bene: si trovano alcune norme che prevedono la gestione delle modalità di pagamento ma anche di reclamo: nel rispetto del principio di finalità del trattamento, i dati personali raccolti potranno essere trattati esclusivamente per lo svolgimento del Programma e per la realizzazione del previsto rimborso, limitando il trattamento del dato relativo all’identificativo dell’esercente al solo fine di verificare le transazioni oggetto di reclamo.

 

 

 

Vuoi saperne di più?

Per informazioni e preventivi per consulenze scrivere a:

Avv. Francesco Pandolfi mail: avvfrancesco.pandolfi66gmail.com

Oppure chiamare il 3286090590

Letto 73 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.