MiaConsulenza.it
legale, commerciale e altro...

whatsappContatta subito MiaConsulenza con WhatsApp!

Sabato, 01 Settembre 2018 14:19

Come eliminare divieto detenzione armi con riesame

Scritto da

 

Come eliminare divieto detenzione armi con riesame

Proprio pochi giorni fa, in occasione di un altro post ( https://www.miaconsulenza.it/diritto-delle-armi/3-diritto-delle-armi/198-armi-art-43-tulps ) abbiamo esaminato alcuni aspetti dell’art. 43 tulps.

Ormai se ne parla praticamente tutti i giorni e spesso vengono sottoposti casi che riguardano questa particolare norma.

La domanda che viene posta frequentemente è questa: con una domanda di riesame è possibile superare l’ostacolo posto dal divieto di detenzione armi del Prefetto?

Ebbene, la risposta a questa domanda non è semplice.

Diciamo che si può rispondere di SI, distinguendo però le fattispecie rientranti nell’art. 43 1° comma e quelle rientranti nell’art. 43 2° comma.

Per capirne di più dirigiamo dunque il focus sulla differenza che esiste tra il primo e il secondo comma di questa disposizione e, tenendo conto di questa differenza, vediamo come e perché un’eventuale istanza di riesame del divieto di detenzione armi può essere accolta e non respinta.

Per farlo, oltre alla casistica disponibile nello studio chiediamo alla Magistratura di Brescia e, in particolare, attingiamo preziose informazioni dalla recentissima sentenza n. 815 del 13.06.2018 pubblicata il 21.08.2018 dal Tar bresciano.

 

Differenze tra primo e secondo comma dell’art. 43 tulps

Il dato da cui dobbiamo partire per questa particolare analisi è la norma.

Si tratta, come si può intuire, di una disposizione complessa.

A differenza del comma 1, nel quale è precluso il rilascio di licenze di porto d’armi e si impone la revoca di quelle già rilasciate nei confronti di chi sia stato condannato per uno dei reati ivi indicati, senza che assuma rilievo l’eventuale riabilitazione, nella fattispecie dell’art. 43 comma 2 l’autorità di Pubblica Sicurezza è tenuta ad operare una valutazione discrezionale al fine di prevenire, per quanto possibile, l’abuso di armi da parte di soggetti non pienamente affidabili, tanto che il giudizio di non affidabilità è giustificabile anche in situazioni che non hanno dato luogo a condanne penali o all'applicazione di misure di pubblica sicurezza, ma a situazioni genericamente non di buona condotta.

Dunque accade questo: anche un semplice sospetto di abuso in teoria può essere sufficiente a legittimare un provvedimento che impedisca l’utilizzo o la detenzione di armi.

La condizione però che bisogna rispettare è questa: la valutazione discrezionale rimessa all’Amministrazione (ispirata a finalità preventive e cautelari) deve investire il complesso della condotta di vita dell’interessato e deve essere frutto di una adeguata istruttoria, tradotta in adeguata motivazione.

  

Perché la Prefettura può emettere il divieto

Il Prefetto può vietare la detenzione armi in quanto la persona interessata ha avuto precedenti penali particolari.

Ad esempio, nel caso trattato e risolto con la sentenza di Brescia, abbiamo una condanna alla pena di anni 1 e mesi 4 di reclusione –pena sospesa- per detenzione di sostanze stupefacenti, nonché alla pena di 600,00 euro di ammenda per l’abbattimento di n. 1 pettirosso, specie protetta, con assoluzione dal reato di porto abusivo di arma bianca.

Abbiamo poi una riabilitazione e, successivamente, la richiesta di rinnovo del porto di fucile uso caccia, rilasciato nel 2014 con validità due anni.

Quindi, richiesto il rinnovo del titolo l’interessato viene convocato presso la Prefettura, che evidenzia l’esistenza di un decreto di divieto di detenere armi, ostativo al rinnovo del titolo, ed è invitato a formulare istanza di revoca del detto decreto.

Presenta allora istanza di revoca del decreto ma la Prefettura lo respinge.

 

Cosa fare per contestare il rigetto dell’istanza

Così come è accaduto nel caso della sentenza bresciana, in un ipotetico caso analogo si possono proporre al giudice queste critiche:

1) spiegare che si è formato il silenzio assenso sulla domanda di revoca, nel caso sia trascorso un lungo lasso di tempo;

2) lamentare il difetto di motivazione e l’insussistenza del pericolo per la pubblica sicurezza;

3) dimostrare che la situazione personale odierna è mutata a seguito dell’assoluzione dall’imputazione (es: nel caso di porto abusivo di arma bianca) e per l’intervenuta riabilitazione;

4) lamentarsi eventualmente dell’eccesso di potere, se non sussiste alcun pericolo per la “pubblica sicurezza”;

5) prospettare poi la violazione degli artt. 11 e 43 del TULPS, non essendosi realizzate le ipotesi ivi contemplate;

6) infine dolersi della violazione della propria posizione consolidata e del cosiddetto legittimo affidamento.

 

Cosa aspettarsi, alla fine, dal Giudice

Su una questione di questo tipo, in modo del tutto simile a quanto si è verificato con l’ottima sentenza 815/18 ci si può aspettare un accoglimento della domanda (ricorso sul rigetto del riesame).

In effetti, in quel caso il provvedimento impugnato era sprovvisto di adeguata motivazione in relazione alla mutata situazione del ricorrente rispetto al tempo in cui (anno 2008) era stato assunto il decreto di divieto di detenere armi e munizione.

Ma soprattutto non c’era alcuna vera motivazione in ordine alle ragioni per le quali la persona non potesse dare garanzia di un corretto uso delle armi.

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 2566 volte Ultima modifica il Sabato, 01 Settembre 2018 14:42
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori.

Attualmente si occupa di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto penale.
E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici; in particolare ha approfondito la materia del diritto militare nelle aree disciplinari, giuslavoristiche, penali e amministrative. 
In diritto del lavoro segue da 10 anni il contenzioso dei lavoratori trimestrali contro Poste Italiane spa.

La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia; la sua profonda passione per il lavoro lo porta ad assistere e difendere davanti ogni Corte nel Paese.

I tratti caratteristici della sua azione difensiva sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, focus verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.

like miaconsulenza

MiaConsulenza contatti

Per qualsiasi informazione e richiesta,
contatta la redazione MiaConsulenza.





© 2017 Copyright. All Rights Reserved.

Newsletter

 Vuoi restare aggiornato sulle nostre attività? Iscriviti alla newsletter di Miaconsulenza.it

Studio Legale Francesco Pandolfi

Via G.Matteotti, 147
04015 Priverno (LT)

+(39) 0773487345
+(39) 328.6090590

francesco.pandolfi66@gmail.com
www.miaconsulenza.it
P.IVA  01692250598

OHSecurity is a Joomla Security extension!