Stampa questa pagina
Lunedì, 25 Marzo 2019 19:16

Armi e patteggiamento per reati fiscali

Scritto da

Un presunto reato in materia di imposte sui redditi e sul valore aggiunto non può essere ritenuto dalla Questura elemento negativo, tale da far negare il rinnovo del libretto e della licenza di porto di fucile uso caccia.

 

 

Il caso

La soluzione del Tribunale

In pratica

 

 

Il caso

Il caso concreto viene affrontato e risolto favorevolmente per il ricorrente dal Tar Palermo, con la sentenza n. 357 dell’08.02.2019.

In sintesi: il Questore rigetta un’istanza tesa ad ottenere il rinnovo del libretto e della licenza di porto di fucile per uso caccia; il diniego viene motivato con riferimento:

a) alla pendenza a carico della persona interessata di un procedimento penale e di un sequestro preventivo di beni immobili emesso dall'A.G. per ipotesi di reato fiscale;

b) alla circostanza che il medesimo risulterebbe inserito in un contesto familiare compromesso, con fatti che inciderebbero sul requisito della buona condotta in ambiente socio familiare non idoneo;

c) alla considerazione che superiori esigenze di tutela dell'ordine della sicurezza pubblica impongono di evitare il crearsi di situazioni, anche potenziali che possono costituire pericolo per l'incolumità della collettività.

Ne consegue, in pratica, un giudizio negativo sul requisito di buona condotta del ricorrente e sulla garanzia di non abusare del titolo di polizia, di cui si rigetta quindi la domanda di rinnovo.

 

 

 

La soluzione del Tribunale

La revoca della licenza per porto d'armi deve essere adeguatamente motivata: è insufficiente il riferimento al patteggiamento per i reati fiscali se al legale rappresentante della società, detentore di armi per decenni per l'esercizio della caccia, non può essere imputato niente riguardo alla correttezza ed avvedutezza nella custodia e nel maneggio delle armi medesime.

Parliamo, nello specifico, di una condanna per evasione di imposte e iva, emessa nei suoi confronti in qualità di amministratore di fatto della società della moglie.

Reato (per altro, risalente nel tempo) dal quale non può trarsi un giudizio di disvalore nei confronti del ricorrente, ai fini del prospettato potenziale abuso del titolo di polizia.

Così come non si può ricavare alcun giudizio negativo dal rapporto di parentela che, secondo la giurisprudenza prevalente, è irrilevante.

 

 

 

In pratica

La materia del diritto amministrativo delle armi è tecnica e richiede un supporto legale specialistico.

Si consiglia pertanto di affidarsi esclusivamente a legali che hanno comprovata familiarità con le questioni sottese ai dinieghi.

L’Avv. Francesco Pandolfi vanta una pluriennale esperienza in questo particolare e delicato ramo del diritto.

 

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 1154 volte Ultima modifica il Lunedì, 25 Marzo 2019 19:25
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.


Francesco Pandolfi COACH: la formazione parte dal 1998; tanti i corsi frequentati con docenti a livello internazionale; tra questi si annoverano training specifici sulla comunicazione efficace, p.n.l., psicologia, ipnosi, motivazione ecc. Attualmente si occupa di coaching one to one, seguendo i propri Assistiti (personalmente con incontri diretti o a distanza, tramite Skype) con percorsi studiati su misura in base agli obiettivi che il Cliente desidera raggiungere in qualsiasi settore (esempio: percorsi scolastici a tutti i livelli, programmi alimentari, attività lavorativa ecc...). L'attività intellettuale del coach è disciplinata dalla Legge n. 4 del 14.01.2013 entrata in vigore il 10.02.2013, che detta disposizioni in materia di professioni non organizzate in ordini o collegi.


Francesco Pandolfi MAESTRO: la formazione come praticante, poi come allenatore, istruttore e maestro di Karate Tradizionale ha inizio nel 1982; gli insegnamenti in questa disciplina provengono essenzialmente da Hiroshi Shirai e Taiji Kase, Maestri giapponesi riconosciuti come depositari nel mondo della versione autentica ed originale dell'arte marziale. Il Karate tradizionale è un'attività che mira a formare il carattere della persona, il corpo e lo spirito, attraverso l'allenamento fisico; si tratta di tecniche di autodifesa senza armi che possono supportare una persona attaccata a distanza, la quale viene posta nelle condizioni di difendersi anche utilizzando un solo colpo risolutivo. Le sedute di allenamento sono incentrate sulla preparazione atletica, il kihon, il kata, il kumite, la meditazione e le pratiche di rilassamento.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590