MiaConsulenza.it
legale, commerciale e altro...

whatsappContatta subito MiaConsulenza con WhatsApp!

Venerdì, 30 Giugno 2017 18:13

Armi e licenza per difesa personale: come fare le memorie scritte

Scritto da

 

Parlando dell’istanza per il rinnovo della licenza di porto di pistola ad uso difesa personale, ci domandiamo cosa accade se la Prefettura invia la comunicazione di motivi ostativi (cioè di impedimenti, ostacoli), preannunciando che non intende rinnovare la licenza.

Ebbene: come si può far valere il diritto a far conoscere alla Prefettura il proprio pensiero e le proprie considerazioni critiche?

E’ semplice: ricorrendo al rimedio della “memoria scritta”.

 

Che cos’è la memoria scritta

Si tratta di osservazioni.

In pratica l’interessato alla licenza ha il diritto di presentarle alla Prefettura che ha comunicato i motivi ostativi all’accoglimento dell’istanza di rinnovo licenza di porto di pistola ad uso difesa personale.

L’atto può essere corredato di documenti e va depositato entro dieci giorni decorrenti dalla data di ricevimento della comunicazione dei motivi ostativi.

Attenzione al termine di dieci giorni perché è perentorio (cioè il compimento dell’atto è imposto entro un determinato momento, a pena di decadenza, con esclusione della possibilità di essere abbreviato o prorogato).

 

Perché vengono comunicati i motivi ostativi

Il Dirigente della Prefettura che segue la pratica invia la comunicazione in questione [1] quando ritiene che le motivazioni del richiedente non siano sufficienti a giustificare il rinnovo della licenza di porto d’arma da fuoco.

Per l’Autorità non basta, infatti, una situazione di pericolo potenziale in cui teoricamente si sente la persona che chiede il rinnovo, ma occorre una comprovata circostanza pericolosa: in altri termini bisogna spiegare per bene quali sono le ragioni concrete per cui la persona si sente esposta al rischio, in misura tale da avere il bisogno di girare armato.

 

Cosa c’è scritto in generale sulla comunicazione della Prefettura

Questo atto prefettizio è semplice e complesso allo stesso tempo.

Solitamente è composto di tre parti:

  • l’oggetto, che riporta il nominativo del richiedente e la descrizione dell’atto,
  • il corpo centrale della comunicazione, che spiega quali dovrebbero essere i requisiti per ottenere il permesso,
  • la conclusione [2], dove le motivazioni addotte dall’interessato non sono ritenute sufficienti a giustificare il rinnovo della licenza, oltre all’avviso della possibilità di depositare le memorie scritte sapendo che, decorso il termine perentorio di giorni dieci decorrenti dalla data di ricevimento della comunicazione, il procedimento sarà concluso.

 

Cosa dice la comunicazione del Prefetto a proposito dei requisiti

Solitamente la comunicazione elenca i requisiti (o consente di ricavarli) che vengono richiesti in sede di rinnovo.

Essi sono:

1) affidabilità,  

2) l’essere esposti ad un pericolo più intenso rispetto alla condizione di altre persone,

3) il rischio per l’incolumità personale deve essere concreto e non ipotetico,

4) l’elemento del rischio concreto deve essere circostanziato e deve riguardare il diretto interessato o i prossimi congiunti, ovvero le persone residenti nelle immediate vicinanze o nella zona di residenza,

5) deve essere esclusa l’automatica rilevanza del tipo di attività professionale e economica svolta in assenza di una disposizione di legge,

6) occorre che l’interessato dimostri con elementi specifici ed attuali il bisogno di portare l’arma,

7) occorre che egli richieda per se stesso una protezione personale ulteriore rispetto a quella che, per tutti i cittadini, è assicurata a livello istituzionale dagli Organismi statali di sicurezza pubblica.

 

Cosa scrivere sulla memoria

Particolare attenzione bisogna mettere nella preparazione della memoria, in quanto se il contenuto non è analitico e ben strutturato, l’Autorità confermerà il preannunciato diniego.

Il consiglio è quindi di affidarsi alla mano di un avvocato esperto, quantomeno per aumentare le probabilità di successo dell’iniziativa difensiva.

E’ intuitivo che chi ha presentato istanza di rinnovo licenza di porto di pistola ad uso difesa personale di solito non accetti il preannunciato diniego, non condividendo i motivi ostativi rappresentati dal Prefetto: per questo motivo si avvale del diritto di presentare la memoria scritta, allegando se occorre anche documenti ritenuti utili all’istruttoria.

L’interessato si dovrà preoccupare di argomentare punto per punto rispetto alla posizione assunta dal Prefetto.

Nella scrittura della memoria si affronteranno allora questi temi:

  • sull’affidabilità: segnalare che il rilascio del porto di pistola per difesa personale è avvenuto anni addietro ed è stato sempre rinnovato, senza riserve, sino all’attualità;
  • sull’esposizione ad un pericolo più intenso rispetto alla condizione di altre persone, segnalare che il semplice fatto di svolgere un’attività commerciale specifica (esempio: bar con slot machine, ad alta movimentazione di denaro) esponga a pericoli quali, a puro titolo di esempio, l’accesso all’interno dell’attività di persone armate, banditi o semplicemente soggetti in grado di generare situazioni di disturbo e molestie verso il titolare o altri avventori;
  • la descrizione dell’elemento di rischio concreto dovrà essere circostanziata e riguardare il diretto interessato o i prossimi congiunti, ovvero le persone residenti nelle immediate vicinanze o nella zona di residenza.
  • Dovrà essere esclusa l’automatica rilevanza del tipo di attività professionale e economica; inoltre l’interessato dovrà dimostrare in modo convincente perché ha il bisogno di girare armato, in quanto non basteranno semplici ipotesi di rischio.
  • Infine non dovrà trascurare di dire e di dimostrare perché egli richiede una protezione personale ulteriore rispetto a quella che, per tutti i cittadini, è assicurata a livello istituzionale dagli Organi statali di sicurezza pubblica.

[1]  [2]  art. 10- bis Legge n. 241 del 7 agosto 1990.

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l’avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 2507 volte Ultima modifica il Domenica, 05 Novembre 2017 19:12
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori.

Attualmente si occupa di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto penale.
E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici; in particolare ha approfondito la materia del diritto militare nelle aree disciplinari, giuslavoristiche, penali e amministrative. 
In diritto del lavoro segue da 10 anni il contenzioso dei lavoratori trimestrali contro Poste Italiane spa.

La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia; la sua profonda passione per il lavoro lo porta ad assistere e difendere davanti ogni Corte nel Paese.

I tratti caratteristici della sua azione difensiva sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, focus verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590
Altro in questa categoria: Armi comuni da sparo »

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.

like miaconsulenza

MiaConsulenza contatti

Per qualsiasi informazione e richiesta,
contatta la redazione MiaConsulenza.





© 2017 Copyright. All Rights Reserved.

Newsletter

 Vuoi restare aggiornato sulle nostre attività? Iscriviti alla newsletter di Miaconsulenza.it

Studio Legale Francesco Pandolfi

Via G.Matteotti, 147
04015 Priverno (LT)

+(39) 0773487345
+(39) 328.6090590

francesco.pandolfi66@gmail.com
www.miaconsulenza.it
P.IVA  01692250598

Our website is protected by OHSecurity!