Venerdì, 14 Febbraio 2020 14:48

Idoneità porto d’armi uso venatorio / sportivo

Scritto da

 

Viene proposto un ricorso per contestare il decreto con cui il Prefetto ha respinto il ricorso gerarchico, presentato dalla persona interessata, avverso un provvedimento di revoca della licenza di porto di fucile per uso tiro a volo, emesso nei suoi confronti dal Questore.

 

 

 

Avviata la causa, la Seconda Sezione del Tar Toscana ha pubblicato l’ordinanza n. 85/20 in data 11.02.2020, con la quale ha accolto l’istanza incidentale di sospensione del provvedimento impugnato.

 

In sostanza ed in estrema sintesi, il Collegio di Magistrati ha rilevato che la ASL, in realtà, aveva accertato che il ricorrente si trovava in possesso dei requisiti minimi previsti a esercitare le attività connesse al rilascio del porto d’armi in modo non compromettente per la sicurezza propria e altrui (DM Sanità 28.04.1998) e lo aveva dichiarato idoneo al porto d’armi per uso venatorio/sportivo, con controllo requisiti psico-fisici dopo due anni.

 

Ma, mentre la Asl aveva accertato tutto questo, l’amministrazione aveva fatto finta di niente.

 

Infatti, ha poi aggiunto il Tar: considerato che il ricorso gerarchico rappresenta una prosecuzione del procedimento amministrativo sostanziale e che in quella sede l’Amministrazione avrebbe dovuto valutare, nel merito, il richiamato accertamento sanitario, al fine di stabilire se adeguarsi allo stesso o disattenderlo per ragioni medico legali, cosa che non risulta avvenuta; per questi motivi la proposta domanda cautelare deve essere accolta ai fini del riesame della pratica amministrativa, alla luce dei richiamati rilievi della ASL.

 

In generale, la materia del diritto amministrativo delle armi è complessa e delicata; il mio consiglio è, se possibile, di evitare il fai da te ed affidarsi ad un avvocato che tratti frequentemente questi temi (vedi anche porto di fucile problemi).

 

Questo in quanto molto spesso arrivano casi in studio dove, già in precedenza, si poteva fare molto e, invece, non è stato possibile farlo perché il diretto interessato ha scelto di avviare da solo la pratica amministrativa.

 

Nel caso specifico qui in commento (ordinanza Tar n. 85/2020) l’interessato ha scelto di affidarsi allo studio con ottima scelta di tempo, impugnando tempestivamente il diniego amministrativo.

 

L’udienza di merito è ad ottobre 2020.

 

 

 

Altre informazioni?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 1414 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.