Venerdì, 08 Maggio 2020 14:33

Pistola per difesa personale: rinnovo in tempo di Coronavirus

Scritto da

Criteri, principi e regole da conoscere, aggiornate al 28.04.2020, per risolvere il problema del diniego sul rinnovo dell’autorizzazione per il porto di pistola per difesa personale.

 

 

 

Indice

Avere la licenza da diversi anni

Obbligo di trasparenza dell’Amministrazione

Obbligo dell’Amministrazione di chiarire i motivi di diniego

Obbligo dell’UTG di valutare le caratteristiche dell’attività svolta

Obbligo del Ministero di tenere conto del denaro contante

Obbligo dell’Amministrazione di valutare il contesto territoriale

Divieto al Ministero di imporre misure gravose di tutela

Divieto per l’Amministrazione di sindacare le modalità di pagamento

Come avere assistenza legale

 

 

 

Come ormai ho ripetutamente ricordato, siamo in tempo di Coronavirus ma i magistrati amministrativi non intendono affatto fermare la loro incessante opera modellatrice ed innovatrice dell’Ordinamento giuridico e, nello specifico, della delicata materia del diritto amministrativo delle armi.

 

Chi mi segue sa che da tanti anni insisto sulla questione della trasparenza amministrativa e del legittimo affidamento del privato rispetto all’intervento autoritativo dello Stato sul pda.

 

Ebbene, negli ultimi giorni assistiamo al positivo ripetersi di pronunce che assestano colpi pesanti sul cattivo operato decisionale dell’Amministrazione degli Interni in questa materia.

 

Solo il 26 aprile (vedi: tutelare la legittima aspettativa) avevo ricordato l’esistenza del legittimo affidamento del privato rispetto alla discrezionalità del Questore o del Prefetto; ecco che oggi la Terza Sezione del Consiglio di Stato mette una volta per tutte la parola fine, in senso favorevole per il privato, alla controversa e delicata questione riguardante il rinnovo dell’autorizzazione per il porto di pistola per difesa personale per chi ne è titolare da anni senza aver mai avuto problemi di sorta.

 

Mi riferisco alla sentenza n. 2722/2020 del 16.04.2020 pubblicata il 28.04.2020, con la quale viene rigettato l’appello presentato dall’U.T.G. contro una sentenza del Tar Calabria.

 

Otto sono i punti fermi che si possono estrarre dalla sentenza e che, sicuramente, da oggi in poi saranno utili per una moltitudine di persone ed operatori economici interessati.

 

Eccoli qui, uno per uno, in sintesi.

 

 

 

Avere la licenza da diversi anni

Il tempo ha un suo peso specifico in questa materia: il fatto che la persona interessata abbia il possesso della licenza da diversi anni è un elemento di valutazione fondamentale e favorevole per il privato, che non può e non deve passare inosservato dall’Amministrazione: se questa ignora tale criterio, ecco che scatta la possibilità di ricorrere;

 

 

 

Obbligo di trasparenza dell’Amministrazione

la discrezionalità dell’Amministrazione deve essere esercitata con trasparenza e con il rispetto del legittimo affidamento del privato nei confronti di essa: tanti anni di licenza chiariscono che il dimostrato bisogno è stato sempre e correttamente valutato, dunque il privato si affida nelle mani dell’Amministrazione come ha fatto in passato, presupponendo che l’Amministrazione emetta la propria ragionevole e corretta decisione;

 

 

 

Obbligo dell’Amministrazione di chiarire i motivi di diniego

l’Amministrazione, nella motivazione dell’eventuale diniego deve chiarire qual è il mutamento delle circostanze, di fatto e soggettive, che l’avevano già indotta a rilasciare negli anni antecedenti il titolo;

 

 

 

Obbligo dell’UTG di valutare le caratteristiche dell’attività svolta

l’U.T.G. deve tener conto delle caratteristiche dell’attività svolta dalla persona interessata, come potrebbe essere un’area di servizio carburanti, edicola, rivendita di tabacchi, negozi di telefonia, o altra attività similare;

 

 

 

Obbligo del Ministero di tenere conto del denaro contante

l’Amministrazione deve tenere conto delle modalità di svolgimento di queste attività, dove è prevista l’accettazione di denaro contante, sia per l’esiguità dei pagamenti sia per la presenza altresì di distributori automatici il cui introito deve necessariamente essere raccolto dal proprietario e trasportato verso luogo sicuro;

 

 

 

Obbligo dell’Amministrazione di valutare il contesto territoriale

bisogna poi considerare che, quando si tratta di istanze di licenze volte alla difesa personale, l'Amministrazione deve tener conto delle peculiarità del contesto territoriale nel quale opera il richiedente, oltre che delle specifiche implicazioni di ordine pubblico che si associano all’ambito geografico di interesse (nel caso dell’Italia è noto a tutti che le aree ad elevata densità criminale non siano solo quelle di Reggio Calabria, per restare all’esempio della sentenza 2722, ma purtroppo si estendono per tutta la latitudine dello stivale: dunque i principi qui indicati devono necessariamente valere per tutto il territorio nazionale, o per la gran parte di esso);

 

 

 

Divieto al Ministero di imporre misure gravose di tutela

il Ministero dell’Interno non può assolutamente imporre al richiedente   l’approntamento di gravosi e costosi sistemi di videosorveglianza o di vigilanza armata ma, cosa altrettanto importante, non può imporre all’interessato di avvalersi di mezzi di pagamento che escludano il denaro contante, in quanto questo tipo di imposizione implicherebbe un onere per la persona interessata che va al di là dell’apprezzabile sacrificio, per altro in un’epoca caratterizzata dalla piena recessione economica;

 

 

 

Divieto per l’Amministrazione di sindacare le modalità di pagamento

l’Amministrazione non può assolutamente sindacare le modalità di pagamento, né tantomeno il sistema di vigilanza delle proprie strutture e beni: diversamente ciò costituirebbe un’invasione nell'autonomia organizzativo/gestionale dell'imprenditore la cui libertà di iniziativa economica tutelata dall'art. 41 della Costituzione.

 

 

 

Come avere assistenza legale

Altre informazioni? Vuoi una consulenza legale personalizzata?

Lo studio è a disposizione di tutti per avere maggiori informazioni, assistenza e consulenza legale nella complessa materia delineata dal rapido susseguirsi di provvedimenti normativi emergenziali del momento.

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 1421 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.


Francesco Pandolfi COACH: la formazione parte dal 1998; tanti i corsi frequentati con docenti a livello internazionale; tra questi si annoverano training specifici sulla comunicazione efficace, p.n.l., psicologia, ipnosi, motivazione ecc. Attualmente si occupa di coaching one to one, seguendo i propri Assistiti (personalmente con incontri diretti o a distanza, tramite Skype) con percorsi studiati su misura in base agli obiettivi che il Cliente desidera raggiungere in qualsiasi settore (esempio: percorsi scolastici a tutti i livelli, programmi alimentari, attività lavorativa ecc...). L'attività intellettuale del coach è disciplinata dalla Legge n. 4 del 14.01.2013 entrata in vigore il 10.02.2013, che detta disposizioni in materia di professioni non organizzate in ordini o collegi.


Francesco Pandolfi MAESTRO: la formazione come praticante, poi come allenatore, istruttore e maestro di Karate Tradizionale ha inizio nel 1982; gli insegnamenti in questa disciplina provengono essenzialmente da Hiroshi Shirai e Taiji Kase, Maestri giapponesi riconosciuti come depositari nel mondo della versione autentica ed originale dell'arte marziale. Il Karate tradizionale è un'attività che mira a formare il carattere della persona, il corpo e lo spirito, attraverso l'allenamento fisico; si tratta di tecniche di autodifesa senza armi che possono supportare una persona attaccata a distanza, la quale viene posta nelle condizioni di difendersi anche utilizzando un solo colpo risolutivo. Le sedute di allenamento sono incentrate sulla preparazione atletica, il kihon, il kata, il kumite, la meditazione e le pratiche di rilassamento.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.