Venerdì, 11 Settembre 2020 11:06

Armi, denuncia per molestie ritrattata

Scritto da
 

 

La denuncia per minacce, molestie, stalking o altro, nei confronti del titolare di licenza di porto di fucile deve essere sempre verificata da parte del Ministero dell’Interno.

 

 

 

Armi: le denunce non sono tutte uguali

Armi: il Tar sa cogliere le differenze

Armi: il tribunale risolve il caso

Armi: scrivere la minaccia non basta

 

 

 

Armi: le denunce non sono tutte uguali

Quando due persone hanno una relazione, anche extraconiugale, che strada facendo si interrompe e viene seguita da una denuncia in sede penale, magari presentata dalla donna che si lamenta della fine della relazione e rivolge improperi nei confronti dell’ex compagno, titolare di licenza, ecco: in casi come questo l’autorità di p.s., prima di revocare la licenza di porto di fucile deve verificare accuratamente la fondatezza della denuncia.

 

Questo perché le dichiarazioni contenute nella denuncia potrebbero essere dettate dal solo astio o rancore nei confronti del partner e, dunque, potrebbero essere sprovviste di prove a supporto.

 

Se l’amministrazione non svolge questi fondamentali accertamenti, il suo provvedimento sarà annullabile con un ricorso al Tar.

 

Si tratta di circostanze che ricorrono con una certa frequenza e, quindi, non sono affatto rare.

 

 

 

Armi: il Tar sa cogliere le differenze

Una situazione come quella descritta è stata ultimamente esaminata e favorevolmente risolta dal Tar Liguria, con la sentenza n. 526/2020 pubblicata in data 24.07.2020.

 

Il provvedimento viene emesso a seguito della denuncia della signora, la quale richiede l’ammonimento del compagno, in quanto a seguito dell’interruzione della relazione extraconiugale che legava i due questi avrebbe preso a molestarla.

 

La signora, peraltro, ritratta in parte le dichiarazioni rese in sede di denuncia.

 

A seguito della denuncia il Questore assume il provvedimento di ammonimento.

 

A questo punto parte il ricorso.

 

 

 

Armi: il tribunale risolve il caso

Il Tar concorda con la tesi del ricorrente.

 

Il provvedimento risulta motivato con la denuncia di condotte di stalking a carico del ricorrente da parte della signora con cui aveva intrattenuto una relazione extraconiugale.

 

Ebbene, in generale nel vigente ordinamento l'autorizzazione alla detenzione delle armi deve considerarsi eccezionale perché le esigenze di incolumità di tutti i cittadini sono prevalenti e prioritarie, con la conseguenza che la richiesta di porto d'armi può essere soddisfatta solo nell'ipotesi che non sussista il pericolo che il soggetto possa abusarne, richiedendosi che l'interessato sia esente da mende e al di sopra di ogni sospetto o indizio negativo.

 

Pertanto, sempre in generale, la revoca o il diniego dell'autorizzazione possono essere adottati sulla base di un giudizio ampiamente discrezionale circa la prevedibilità dell'abuso dell'autorizzazione stessa, potendo assumere rilevanza anche fatti isolati, ma significativi, e potendo l'Amministrazione valorizzare nella loro oggettività sia fatti di reato diversi, sia vicende e situazioni personali del soggetto che non assumano rilevanza penale, concretamente avvenuti, anche se non attinenti alla materia delle armi, da cui si possa desumere la non completa "affidabilità" all'uso delle stesse.

 

Inutile dire che sono rilevanti, a tal fine, oltre alle manifestazioni di aggressività verso le persone, anche senza l'impiego di armi, ed alle manifestazioni di scarso equilibrio o scarsa capacità di autocontrollo, la vicinanza ad ambienti della criminalità organizzata e anche la frequentazione di persone gravate da procedimenti penali e di polizia.

 

Tutto questo preambolo è l’aspetto generale della questione.

 

 

 

Armi: scrivere la minaccia non basta

Ora, nel caso concreto la valutazione dell’amministrazione si fonda esclusivamente sulle dichiarazioni della donna, la quale ha riferito comportamenti minacciosi aggressivi e molesti del ricorrente.

 

Sulla base di tale dichiarazioni è stato emesso ammonimento a carico del ricorrente, successivamente annullato da parte del TAR.

 

La signora, tuttavia, ha successivamente ritrattato le proprie precedenti dichiarazioni e il Collegio rileva come la Questura non abbia svolto alcuna attività di indagine in merito alle circostanze evidenziate dalla denunciante.

 

Inoltre non risulta che sia stata valutata la ritrattazione della stessa.

 

In sostanza: sulla base di queste decisive riflessioni della magistratura, il caso è risolto ed accolto dal Tar.

  

 

 

Altre informazioni?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Letto 1561 volte Ultima modifica il Venerdì, 11 Settembre 2020 11:25
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.