Martedì, 13 Ottobre 2020 18:46

Armi: Ministero dell’Interno non esegue sentenza, cosa fare

Scritto da
 

 

Procedura prevista dalla Legge nel caso in cui il giudice condanni il Ministero dell’Interno ad eseguire una sentenza favorevole alla parte privata e l’amministrazione, invece, non esegue.

 

 

 

Non c’è da stupirsi se, nel nostro Paese, la culla del diritto, ancora accadono queste cose, ossia: chi perde la causa lasci ineseguita la sentenza passata in giudicato.

 

Non bisogna stupirsi in quanto l’amministrazione, in definitiva, non dico che è legittimata a farlo, ma sa che in qualche modo lo può fare: vero è che dopo arriverà una sanzione a suo carico per il ritardo ingiustamente procurato alla parte vittoriosa, ma intanto il tempo sarà passato, anzi, sarà passato più tempo di quello previsto e tollerabile per dare esecuzione al giudicato.

 

Teoricamente ci sono tanti motivi per ritardare l’esecuzione di una sentenza: motivi economici, motivi organizzativi, deficit organizzativi e di personale, semplici dimenticanze, motivi strumentali e tattico difensivi.

 

Ora, se si arriva a questo punto, cosa fare?

 

Ebbene: bisogna tornare di nuovo dal giudice e chiedere l’ottemperanza alla sentenza: il tribunale ordinerà l’esecuzione della pronuncia nominando un commissario ad acta, stabilendo anche una penalità economica a carico della parte che non ha eseguito quanto doveva prontamente eseguire, sanzione che di solito viene stabilita in un tot al giorno per ciascun giorno di ulteriore ritardo dell’esecuzione.

 

Comunque, penso che in un Paese normale probabilmente l’ottemperanza non dovrebbe neppure esistere, in quanto la sentenza passata in giudicato, bella o brutta che sia, si esegue punto e basta.

 

Ma tant’è: in Italia accade questo ed altro e le aule dei tribunali più di qualche volta vengono occupate da questi fascicoli.

 

Ad esempio, l’ultima in materia di armi e di ottemperanza di una sentenza favorevole al ricorrente, e rimasta diciamo così dimenticata dal Ministero, è la n. 2066/2020 del Tar Palermo Sezione Prima, pubblicata in data 12.10.2020.

 

In questo caso, la sentenza che era finita nel dimenticatoio è la n. 1184/19 sempre del Tar Palermo, pubblicata in data 30.04.2019: qui era stato accolto il ricorso sul decreto con il quale il Ministero dell’Interno aveva respinto il ricorso gerarchico per l’annullamento di un divieto di detenzione armi.

 

La sentenza era stata regolarmente spedita per la notificazione, ma evidentemente il Ministero era rimasto a lungo in silenzio, senza attivarsi e soprattutto senza dare spiegazioni sul perché dell’inerzia.

 

Presentato dunque l’ulteriore ricorso è scattata pertanto l’ottemperanza e la nomina di un commissario ad acta, con la previsione di una penale per ciascun giorno di ulteriore ritardo per la messa in atto degli adempimenti esecutivi ad onere del Ministero dell’Interno.

 

Nel caso specifico di Palermo va detto che giustamente l’amministrazione è stata anche condannata alle spese di lite e della specifica fase dell’ottemperanza; personalmente, però, aggiungo che in casi del genere la condanna alle spese dovrebbe essere esemplare e di entità tale da restare scolpita per sempre nella memoria delle parti e della Collettività intera, così da fungere da vero monito per la futura condotta amministrativa, scoraggiando gli atteggiamenti dilatori che in definitiva finiscono solo per aggravare il già esistente danno da ritardo.

 

 

 

Altre informazioni?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 971 volte Ultima modifica il Martedì, 13 Ottobre 2020 19:06
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.