Martedì, 20 Ottobre 2020 15:38

Divieto detenzione armi: come si valuta una querela

Scritto da

La presenza di una querela, utilizzata dalla Prefettura per il divieto di detenzione armi, impone all’ufficio di accertare il contenuto della stessa: non basta prendere atto che c’è senza approfondirne il contenuto.

 

 

 

Divieto detenzione armi e querela

Tar Napoli sentenza 4493/20

Il caso

Accoglimento del ricorso

In pratica

 

 

 

Divieto detenzione armi e querela

Sembra un’affermazione scontata e banale ma, in realtà, non lo è.

 

Molte volte, infatti, nella casistica giudiziale si assiste a situazioni dove c’è l’emanazione di un divieto detenzione armi da parte del Ministero dell’Interno senza che, però, l’ufficio preposto avvia svolto alcuna ricerca sulla veridicità, o meno, del contenuto della querela sporta contro la persona destinataria del divieto.

 

Chiaro è che, così facendo, l’amministrazione finisce per dare alla luce un atto imperfetto, dal momento che omette quell’istruttoria necessaria utile a comprendere a fondo l’accaduto posto a base del divieto.

 

In effetti: se c’è una querela, ciò non significa che quanto riportato nella stessa sia, in automatico, per forza vero o attendibile.

 

 

 

Tar Napoli sentenza 4493/20

Ultimamente, ad occuparsi della questione è stata la Quinta Sezione del Tar della Campania, con la sentenza n. 4493/2020 pubblicata in data 13.10.2020.

 

Una sentenza chiara e lineare, che porta la firma della Presidente Maria Abbruzzese.

 

Vediamo, dunque, un po’ più da vicino la fattispecie esaminata e risolta favorevolmente per la parte privata.

 

 

 

Il caso

L’interessato impugna il divieto di detenere armi munizioni e materiale esplodente.  

 

Assume di essere imprenditore edile di professione e di essere stato più volte vittima di tentativi di estorsione, regolarmente denunciati, e di non avere riportato alcuna condanna, né di essere mai stato sorpreso in compagnia di soggetti pregiudicati in occasione dei controlli di polizia.

 

Peraltro i Carabinieri, sul presupposto che il ricorrente è stato querelato come responsabile di una aggressione fisica, nella quale la parte offesa avrebbe riportato lesioni e ritenendo, pertanto, che lo stesso, ai sensi dell’art. 39 TULPS, non mantenga i requisiti di affidabilità richiesti per la detenzione delle armi, procedono al ritiro cautelativo delle armi.

 

Rispetto ad una querela subita il ricorrente presenta una controquerela per il reato di calunnia, nonché una memoria difensiva chiedendo la revoca del ritiro cautelativo.

 

 

 

Accoglimento del ricorso

Il ricorso viene ritenuto meritevole di accoglimento rispetto alla violazione del contraddittorio per mancata comunicazione di avvio del procedimento, vizio questo che, avuto riguardo al carattere discrezionale del provvedimento e alla necessità di accertare quanto meno la verosimiglianza dei fatti descritti nella querela che ha portato all’adozione del provvedimento medesimo, è in grado di incidere anche sulla correttezza dell’istruttoria e della motivazione.

 

Dice il Tribunale: il giudizio prognostico deve essere effettuato sulla base del prudente apprezzamento di tutte le circostanze di fatto, al fine di verificare il potenziale pericolo rappresentato dalla possibilità di utilizzo delle armi possedute e deve estrinsecarsi in una congrua motivazione.  

 

Pertanto, pensando al fatto che a fondamento del decreto si è posta la sola querela sporta nei confronti del ricorrente, rispetto alla quale peraltro lo stesso ha presentato controquerela per il reato di calunnia, si sarebbe imposto un approfondimento istruttorio, laddove per contro la mancata comunicazione di avvio del procedimento ha impedito al ricorrente di offrire il proprio contributo in sede procedimentale e si è risolta in un difetto di istruttoria e di motivazione.

 

In aggiunta, precisa il Tar, al limite le esigenze cautelative possono essere soddisfatte con il ritiro cautelativo delle armi, ferma rimanendo però la necessità di comunicazione di avvio del procedimento prima dell’adozione del provvedimento definitivo.

 

 

 

In pratica

Chi riceve la notifica di un divieto detenzione armi, deve sempre tenere a mente che prima di questo provvedimento deve ricevere la comunicazione di avvio del procedimento, in modo che il suo diritto di difesa viene salvaguardato.

 

 

 

Altre informazioni?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 1586 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.