Giovedì, 17 Dicembre 2020 19:46

Armi e presenza di parenti pregiudicati: come risolvere

Scritto da

Criterio per risolvere il caso in cui l’Amministrazione sospetta che i familiari coinvolti in procedimenti penali compromettano l’affidabilità del titolare della licenza.

 

 

 

Ormai è noto che il rilascio del porto d’armi è niente altro che un’eccezione ad un divieto stabilito per legge, eccezione per altro circondata da particolari cautele, dove la pubblica amministrazione rimane titolare di un potere discrezionale, in quanto tenuta a valutare le condizioni soggettive che sorreggono il porto di armi con le esigenze di tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica.

 

Ovviamente si deve sempre trattare di valutazioni, per così dire, logiche e coerenti, basate su fatti oggettivi.

 

Ne deriva che su questo tipo di valutazione, nel momento in cui viene interessato un   giudice amministrativo, egli è titolare di un sindacato sul vizio di eccesso di potere limitato al giudizio di congruità e logicità della motivazione.

 

Sulle licenze di polizia, le sentenze hanno chiarito che le valutazioni dell'amministrazione in materia di rilascio della licenza di porto d'armi sono discrezionali.  

 

In pratica: l’eventuale divieto di detenere armi e munizioni, o il mancato rinnovo della licenza di porto di fucile per uso caccia, non sono sanzioni nei confronti del destinatario ma cautele per la sicurezza pubblica, in quanto si tratta di provvedimenti che hanno lo scopo di evitare il pericolo per tale bene giuridico, pericolo che potrebbe scaturire dalla possibile disponibilità di armi in capo ad un soggetto che non possa garantirne il corretto uso e tale può essere considerato anche chi, pur esente da mende o da indizi negativi, non può anche assicurare che non vi sia pericolo che abusi possano derivare da parte di particolari soggetti con cui ha relazioni familiari o personali.

 

Insomma, quando si presenta un ricorso in questa materia, i giudici vanno a verificare se esiste un’eventuale caso di provvedimento amministrativo illogico o incongruente.

 

Viste queste premesse, quando la motivazione di un provvedimento di diniego si basa sostanzialmente su dubbi rapporti parentali con soggetti pericolosi, ebbene in questi casi la possibilità di abuso deve essere descritta e indicata in modo dettagliato da parte della pubblica amministrazione, la quale deve mettere bene in chiaro, nero su bianco, quali possano essere quei rapporti tra le parti che reputa idonei a determinare una possibilità di abuso delle armi stesse.

 

Dunque, il criterio orientativo per risolvere la delicata questione è questo: è necessario da parte dell’amministrazione un giudizio preliminare diretto a verificare l’abuso delle armi o, quantomeno, se prospetta una possibilità di abuso delle stesse da parte del titolare o di altre persone in famiglia.

 

Se nel diniego amministrativo dovesse mancare questa valutazione, allora il provvedimento negativo della Questura o della Prefettura potrà essere portato davanti un Giudice.

 

Per chiudere: le sentenze in materia sono molte, qui segnalo la sentenza n. 1080 del 19.06.2014 emessa dal Tar Calabria Sezione Prima, non appellata, che può ben rappresentare uno dei tanti esempi in cui i magistrati hanno visto bene la questione loro sottoposta, accogliendo il ricorso della parte privata.

 

 

 

Altre informazioni?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 942 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.