Sabato, 23 Gennaio 2021 08:17

Armi e uso occasionale di stupefacenti

Scritto da

Per il Tar Napoli, l’assunzione occasionale di stupefacenti non equivale a dire che c’è in assoluto l’incompatibilità con la licenza di porto di fucile ad uso caccia.

 

 

 

I Magistrati del tribunale amministrativo di Napoli intervengono in questa delicata materia con la sentenza n. 502 pubblicata il 22.01.2021.

 

In pratica accolgono il ricorso presentato dalla persona interessata, la quale impugna il decreto emesso dal Questore con cui è stata rigettata la sua istanza volta a conseguire il rinnovo della licenza di porto d'armi per uso caccia.

 

La critica rivolta al decreto del Questore è semplice e precisa: se si contesta l’uso occasionale di stupefacenti come incompatibile con la licenza di porto, bisogna anche esaminare la personalità del soggetto nel suo insieme, tenuto conto del fatto che si parla di persona immune da mende e che non ha avuto l’applicazione delle sanzioni tipiche della materia, ossia quelle contemplate dall’art. 75 D.P.R. n. 309/90.

 

Dice il Tar: il Questore giunge all'adozione del diniego rilevando, in base all’unico episodio accertato a carico del ricorrente, che l'uso di sostanze stupefacenti è da ritenersi incompatibile con il possesso di armi.

 

Ora, la giurisprudenza ha affermato che il titolare di licenza non solo deve essere esente da mende e dare pieno affidamento circa il corretto uso delle armi, ma che tale giudizio di affidabilità deve essere formulato anche valutando il pericolo che potenziali abusi possano provenire dal contesto personale nel quale vive e si relaziona.  

 

Inoltre, quanto alla sufficienza del consumo di sostanze stupefacenti per integrare una legittima causa di revoca della licenza di polizia, la giurisprudenza ha da tempo chiarito che, "in base all'art. 1 n. 5 del d.m. 28 aprile 1998 che stabilisce i requisiti psicofisici minimi per il rilascio ed il rinnovo dell'autorizzazione al porto d'armi, l'assunzione anche occasionale di sostanze stupefacenti costituisce causa di non idoneità".

 

Tuttavia, in questo caso, tali considerazioni non possono essere invocate a sostegno della legittimità del decreto questorile, essendo stato quest’ultimo motivato solo con il sintetico richiamo all’unico episodio di consumo di sostanze stupefacenti, senza alcuna ulteriore motivazione.

 

Nello specifico, l'Amministrazione si è limitata a richiamare la comunicazione del Comando Carabinieri, rilevando come dalla stessa si desume che il ricorrente ha fatto uso di sostanze stupefacenti, così da pervenire alla conclusione che, in ragione di tale accertato episodio, devono ritenersi venuti meno i requisiti soggettivi per la detenzione delle armi.

 

Ma questo giudizio, oltre ad essere generico, non contiene alcuna valutazione che lasci pensare ad un esame accurato, ed attualizzato, della condizione personale dell'interessato nel suo complesso (ad esempio, riferito all’accertamento di persistente abitualità nell’uso di sostanze stupefacenti o anche di ulteriori episodi di consumo occasionale).

 

Insomma, qui si parla di una carenza motivazionale che, per il Tar Napoli così come per tanti altri tribunali italiani, è certamente causa di annullamento dell'atto.

 

In definitiva, il ricorso viene accolto e l’amministrazione è chiamata a svolgere un riesame, approfondito, della complessiva posizione del ricorrente.

 

 

 

Altre informazioni? Chiedi una consulenza legale

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 1183 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.