Giovedì, 18 Febbraio 2021 14:37

Come agire per togliere divieto detenzione armi

Scritto da

Consiglio di Stato Sezione Terza, sentenza n. 500/21 pubblicata il 18.01.2021

 

 

 

Parliamo del divieto di detenzione armi, una misura tendenzialmente senza una durata prestabilita.

 

Qui un caso dove i giudici di appello accolgono il ricorso della parte privata.  

 

Vediamo, sia pur in sintesi, i tratti principali di questa utilissima sentenza.

 

Il succo del discorso è questo: il divieto di detenzione armi non può avere un’efficacia illimitata e permanente nel tempo, non rispondendo ad alcun interesse pubblico la protrazione a tempo indeterminato del divieto, quando sia venuta meno l’attualità del giudizio di pericolosità in precedenza espresso.

 

Insomma, il divieto non è eterno e, dopo un certo tempo, deve essere riesaminato ed eventualmente rimosso.

 

A fronte della mancanza di un limite temporale di efficacia del provvedimento, il Consiglio di Stato riconosce al destinatario un interesse giuridicamente protetto ad ottenere, dopo il decorso di un termine ragionevole ed in presenza di positive sopravvenienze che abbiano mutato il quadro indiziario posto a base della pregressa valutazione di inaffidabilità, un aggiornamento della propria posizione e, in caso di esito positivo, la revoca dell’atto inibitorio.

 

Ne discende, altresì, che il riesame deve essere costituito da una verifica puntuale e attuale della permanenza delle condizioni per l’atto inibitorio o meno, non potendo risolversi in un superficiale richiamo a verifiche precedenti.

 

In questa materia, l’orientamento prevalente è nel senso di affermare che a fronte della assenza di un obbligo per l’amministrazione, in generale, di provvedere in ordine alle istanze di riesame del privato, tale obbligo invece c’è nei casi in cui un provvedimento amministrativo va a limitare la sfera giuridica del privato in via permanente.

 

Si tratta, appunto, del caso del divieto di detenere armi, munizioni e materie esplodenti, ai sensi dell’art. 39 del T.U.L.P.S.

 

L’art. 39 del r.d.n. 773 del 18 giugno 1931, infatti, a differenza di altre fattispecie normative che prevedono un termine di efficacia alle misure amministrative limitative della sfera giuridica dei destinatari, non stabilisce una durata limitata nel tempo al divieto imponibile dal Prefetto.

 

Quindi, in conclusione: quando ci troviamo di fronte ad una situazione come quella descritta prendendo spunto dalla sentenza 500/21, l’istanza di riesame in autotutela va senz’altro presentata. Come sempre, consiglio di valutare l’affidamento della pratica ad un avvocato che abbia molta familiarità con questa materia.

 

 

 

Vuoi altre informazioni?

Manda un messaggio all’Avv. Francesco Pandolfi   3286090590

mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 2208 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.