Venerdì, 26 Febbraio 2021 10:43

Rinnovo porto di pistola per difesa personale

Scritto da

Tar Lazio Sez. Staccata di Latina, Ordinanza n. 57/2021 pubblicata in data 24.02.2021

 

 

 

Parliamo di un provvedimento del Prefetto riguardante il rigetto dell'istanza di rinnovo del porto di pistola per difesa personale.

 

La persona interessata ha avuto il costante rinnovo della licenza negli ultimi anni; ad un certo punto l’amministrazione gli dice no.

 

Propone allora il ricorso.

 

In sede di sospensiva, il Tar accoglie la sua domanda cautelare, in quanto il provvedimento prefettizio non è motivato in modo idoneo.

 

Il succo del discorso, in pratica, è questo.

 

Noto è che per principio generale la condizione di "dimostrato bisogno" non può automaticamente desumersi dalla situazione di benessere economico del soggetto interessato, o dalla tipologia di attività o di professione da questi svolta, laddove dovessero mancare specifiche e attuali circostanze che il Prefetto ritenga necessarie per il porto di pistola per esigenze di difesa personale.

 

Allo stesso tempo però la giurisprudenza, nell'affermare che la condizione di "dimostrato bisogno" non è elemento immutabile che, una volta riconosciuto, precluda, in sede di rinnovo, la diversa valutazione di circostanze oggettive e fattuali sopravvenute, pone anche un limite alla possibilità che l'amministrazione – nascondendosi dietro il carattere discrezionale del potere valutativo alla stessa intestato - giunga a conclusioni difformi da quelle accolte in precedenti e ripetuti provvedimenti, senza spiegare per bene quali siano state le variazioni di rilievo atte a giustificare il mutato orientamento.

 

Per altro, in materia di rinnovo vige il principio in forza del quale si inverte l’onere della prova sul “dimostrato bisogno”.

 

In pratica: è vero che il rilascio della licenza è discrezionale ed è onere del richiedente dimostrare il bisogno del titolo, ma è altrettanto vero che tale onere viene invertito in occasione del rinnovo.

 

 

 

Vuoi altre informazioni sull’ordinanza commentata?

Hai bisogno di assistenza legale?

Manda un messaggio all’Avv. Francesco Pandolfi   3286090590

Oppure utilizza la mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 1357 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.