Domenica, 28 Febbraio 2021 12:36

Caccia, tutela ecosistema e controllo fauna

Scritto da

Corte Costituzionale, sentenza n. 21 del 17.02.2021

Corte Costituzionale, sentenza n. 160 del 23.07.2020

 

 

 

Tutela dell’ecosistema.

Oggi commentiamo due sentenze della Corte Costituzionale in materia di controllo delle popolazioni di cinghiale, piani di abbattimento, estensione dell’elenco dei soggetti abilitati.

 

La sentenza 21 in sintesi ci dice, riferendosi ad una legge della Regione Toscana che, a parere della Consulta, viene aumentato lo standard minimo di tutela ambientale previsto dalle norme statali.

 

In sostanza, l’art. 37 c. 3 e 4 l. r. Toscana n. 3/1994, nella parte in cui estende l’elenco dei soggetti abilitati a effettuare le operazioni di controllo delle popolazioni del cinghiale rispetto a quelli previsti dall’art. 19, comma 2, della legge 11 febbraio 1992, n. 157 - non si pone in contrasto con l’art. 117, c.2, lett. h), Cost.

 

L’integrazione disposta dalla norma regionale, infatti, merita di essere considerata come un’espressione legislativa che aumenta lo standard minimo di tutela ambientale previsto dalla disposizione statale.

 

Ciò in quanto tende a portare ad un livello fisiologico la consistenza del personale qualificato destinato a eseguire i piani di abbattimento, cosa necessaria per attuare gli obiettivi di tutela dell’ecosistema.

 

Sulla possibilità di coinvolgere i cacciatori nei piani di abbattimento, la norma regionale subordina tale evenienza alla condizione di aver acquisito una formazione specifica sulla base di programmi concordati con l’ISPRA.

 

 

 

Prelievo in forma collettiva.

Il senso della sentenza 160 ci riporta all’inclusione dei cacciatori tra i soggetti attuatori, autorizzati al prelievo in forma collettiva con il metodo della braccata e della girata, nelle zone e nei periodi preclusi alla caccia.

 

Per dare un riassunto dell’articolata sentenza, tecnicamente i Giudici hanno appurato che non sarebbe minimamente spiegato il perché l'inclusione dei cacciatori, dotati di specifici requisiti di qualificazione e che operano sotto il coordinamento e il controllo del personale della Provincia, nell'elenco degli attuatori dei piani di controllo del cinghiale, dovrebbe peggiorare la tutela dell'ambiente e dell'ecosistema.

 

 

 

Vuoi altre informazioni?

Hai bisogno di assistenza legale?

Manda un messaggio all’Avv. Francesco Pandolfi   3286090590

Oppure utilizza la mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 713 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.