Stampa questa pagina
Lunedì, 01 Marzo 2021 15:23

Armi revoca licenza: lite verbale e scontro fisico sono uguali?

Scritto da
 

 

Revoca della licenza di porto di fucile ad uso venatorio. Casi in cui la denuncia penale è inattendibile. Differenza tra una semplice lite a parole tra il denunciante ed il titolare della licenza e una lite con contatto fisico tra le parti.

 

 

 

Lite verbale e scontro fisico non sono la stessa cosa, specie in materia di diritto amministrativo delle armi: questo va detto subito.

 

Bisogna tenere presente che non compromettono l'affidabilità di una persona tutte quelle condotte che per loro natura, per la loro occasionalità, per la loro distanza nel tempo o per altri giustificati motivi non la intaccano realmente, per cui è necessario che l’eventuale provvedimento dell’amministrazione, ostativo all’uso delle armi, sia basato su una valutazione del comportamento complessivo del soggetto interessato.

 

Pensiamo al caso, per esempio, di infondatezza della notizia di reato.

 

Caso ricorrente, che molto spesso mi trovo ad affrontare in studio è quello della richiesta di archiviazione del P.M., quando alla base della denuncia c’è stata solo una lite verbale tra il denunciante e la persona interessata, senza contatto fisico o minaccia tra gli antagonisti.

 

In questi casi la Questura, prima di adottare il suo provvedimento deve preventivamente vagliare in via autonoma la veridicità dei fatti esposti nella denuncia/querela, scaturita dalla lite, anche tenendo conto dei rapporti fra i medesimi e delle ragioni della lite.

 

Sono circostanze che impongono sempre un approfondimento istruttorio, anche per esempio con la convocazione dell’interessato o dei soggetti indicati come presenti alla lite, al fine di vagliare quanto meno l’attendibilità della querela, ferme rimanendo le valutazioni in sede giudiziaria penale ad opera degli organi competenti.

 

Ripeto: sono casi frequenti. I Giudici, per altro, sempre più spesso si trovano ad esaminare questi fascicoli.

 

Uno tra i tanti casi è quello risolto dal Tar Campania, Sezione Quinta, con la sentenza n. 3641/20 pubblicata in data 24.08.2020: qui il Collegio ha accolto il ricorso della persona che aveva subito la revoca della licenza ed ha annullato il decreto del Questore, condannando il Ministero dell’Interno a pagare il contributo unificato per l’avvenuto deposito del ricorso.

 

 

 

Altre informazioni?

Vuoi una consulenza?

Messaggio: 3286090590

mail: studiopandolfimarianiQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 3495 volte Ultima modifica il Lunedì, 01 Marzo 2021 15:26
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590