Mercoledì, 31 Marzo 2021 14:46

Archiviazione del penale per lesioni e divieto detenzione armi

Scritto da

Cosa accade quando c’è l’archiviazione di un procedimento penale per lesioni, ma la Prefettura emette lo stesso il divieto di detenzione armi.

 

 

 

In una situazione di questo tipo accade, molto semplicemente, che il tribunale amministrativo nota la carenza istruttoria da parte del Ministero dell’Interno ed, accogliendo il ricorso del privato, annulla il divieto di detenzione armi.

 

Come spesso facciamo, si parte da un esempio.

 

Una persona, anni fa, rimane coinvolta suo malgrado in una lite: in quell’occasione reagisce ad un’aggressione con calci e spinte, causando lesioni all’antagonista.

 

Stiamo parlando di una persona normalissima, non certo abituata a gestire momenti di tensione con l’aggressività: in pratica, gli capita di avere quell’alterco in quell’occasione.

 

Dopo niente, mai più nulla.

 

Ora, in sede penale il procedimento per lesioni viene archiviato per inattendibilità del quadro probatorio, vista l’insufficienza di elementi per dimostrare la condotta aggressiva unilaterale da parte della nostra persona.

 

In sede amministrativa, invece, il Ministero dell’Interno non vuole saperne e respinge la richiesta di annullamento in autotutela del divieto di detenzione armi emesso: in sostanza ritiene che la condotta aggressiva posta in essere dall’interessato sia comunque da ritenersi, al di là dell’esito della vicenda penale, sintomatica di scarso equilibrio e autocontrollo.

 

Stando così le cose, si passa giocoforza al ricorso avanti il Tar: altre strade non ci sono.

 

I saggi magistrati si comportano elegantemente [1], non potendo fare a meno di evidenziare che le valutazioni espresse dalla Prefettura si basano su una ricostruzione dei fatti non del tutto attendibile e incoerente, rispetto a quanto risulta essere accaduto in sede penale.

 

Cioè, a dire: i tratti dell’episodio, pur se caratterizzato da profili di intemperanza e animosità aggressiva non bastano a descrivere un indice di scarso equilibrio ed autocontrollo, proprio per la considerazione che la dinamica dei fatti non è rimasta accertata e ben chiarita nella sede penale.

 

Per esempio: considerata l’incertezza nelle prove in penale, quell’episodio ben potrebbe aver assunto i contorni dell’alterco subito e non provocato.

 

Per altro, a quell’incertezza si va a sommare la sostanziale unicità nel vissuto della persona in questione di episodi come quello descritto.

 

Elemento questo che, di regola, fa si che il giudizio amministrativo si basi necessariamente sulla complessiva condotta di vita del soggetto e, nel quadro di questa più ampia valutazione, giunga a non travisare i fatti.

 

In conclusione: le conclusioni avventate dell’amministrazione spesso posso fare danno, ragion per cui in tutti i casi dove il divieto di detenzione armi risulti agganciato a valutazioni superficiali del fatto, si consiglia vivamente di presentare il ricorso al tribunale amministrativo competente per territorio.

 

[1] Tar Piemonte Sezione Prima, sentenza n. 351/21 pubblicata in data 29.03.2021.

 

 

 

Vuoi una consulenza?

Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 844 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.