Lunedì, 05 Aprile 2021 16:33

Armi e revoca licenza: quando la Questura travisa i fatti

Scritto da

Tar Calabria Sez. Prima, sentenza n. 528/21 dell’11.03.2021. Revoca della licenza di porto di fucile per uso caccia. Ricorso gerarchico. Silenzio-rigetto. Travisamento dei fatti. Ricorso.

 

 

 

Il travisamento dei fatti

Il caso

La soluzione del caso

Chiedi una consulenza

 

 

 

Il travisamento dei fatti

Esistono casi in cui il Ministero dell’Interno e, per esso, la Questura, sbaglia nel valutare determinate situazioni passate a carico di una persona interessata, ad esempio, alla licenza di porto di fucile per uso caccia?

 

La risposta è sì: l’errore in cui può cadere l’Amministrazione è conosciuto, dai giudici e dagli avvocati, come travisamento dei fatti.

 

Travisare significa distorcere o alterare una verità storica.

 

In pratica sbagliare nella lettura delle carte.

 

Invece di assegnare ad un atto il significato coerente con quanto rappresenta, l’Autorità finisce per falsarlo.

 

 

 

Il caso

Leggendo le sentenze dei Tar e del Consiglio di Stato si trovano decine e decine di casi nei quali l’Amministrazione degli Interni ha travisato i fatti.

 

Ultimamente ciò si è verificato in occasione della causa risolta dal Tar Calabria con la sentenza 528/21.

 

Qui i giudici hanno accolto il ricorso della parte privata e condannato il Ministero dell’Interno alle spese di lite, ovviamente il tutto con l’annullamento del provvedimento di revoca della licenza di porto di fucile ad uso caccia.

 

 

 

La soluzione del caso

Nel caso specifico della sentenza 528 si è trattato della revoca della licenza di porto di fucile per uso caccia, posseduta dalla persona interessata da oltre vent’anni e sempre rinnovata.

 

Come motivo della revoca il Ministero dice che il ricorrente è stato in passato condannato per il reato di omessa custodia di munizioni alla pena di anni 1 di reclusione, come comunicato dagli accertamenti effettuati presso la locale Procura; inoltre risulta aver assunto la veste di imputato in ordine ai reati di minaccia ed ingiuria, commessi diversi anni fa; altresì è stato segnalato all’A.G. per aver violato l’obbligo di avviare i propri figli all’istruzione elementare, poi è stato pure segnalato per il reato di invasione di terreni o edifici e danneggiamento.

 

Per arrivare alla revoca della licenza la Questura dice che, se è vero che anni prima la vecchia condanna per omessa custodia non è stata ritenuta influente ai fini del rilascio del porto di fucile, con l’aggiungersi degli altri reati nel corso del tempo l’affidabilità di questa persona è cambiata in peggio.

 

Succede però, dice il Tar, che la valorizzazione del più anziano precedente penale è frutto di un travisamento dei fatti dal momento che la sentenza di condanna, ritenuta in un primo momento irrilevante e, ultimamente, valorizzata, risulta in realtà pronunciata nei confronti di soggetto diverso dal ricorrente, fatto che per altro dal fascicolo risulta pacificamente ammesso anche dalla stessa Amministrazione.

 

Inoltre, il fatto che l’odierno ricorrente ha assunto in precedenza la veste di imputato in altro procedimento penale per il reato di minaccia ed ingiuria, nonostante l’intervenuta estinzione del procedimento per remissione della querela, questo solo fatto non vuol dire che la Questura dispone di certezze probatorie sulla sua verificazione.

 

 

 

Chiedi una consulenza

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 643 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.