Lunedì, 03 Maggio 2021 10:11

Armi: revoca licenza e querela del coniuge

Scritto da

Una isolata querela per maltrattamenti in famiglia di solito non basta per revocare la licenza di porto di fucile ad uso sportivo: da parte della Questura occorre invece la valutazione della personalità e della condotta complessiva della persona indagata.

 

 

 

Magari ti sarà già capitato di leggere post su questo particolare tema.

 

Posso dirti che, pur essendo un argomento più e più volte affrontato, rimane sempre attuale visto che i giudici se ne interessano costantemente.

 

Il Tar per le Marche non fa eccezione e, proprio poco tempo fa, si è occupato del tema, con la sentenza n. 360 pubblicata il 27 aprile 2021.

 

Una pronuncia che accoglie il ricorso dell’interessato, che si è visto revocare la licenza di porto di fucile per uso sportivo.

 

Vediamo, allora, un po’ più da vicino il caso, sempre con l’intento di ricavarne il principio utile per una più ampia platea di persone appartenenti al mondo armiero.

 

Dunque, in questo caso il ricorrente è titolare di licenza di porto di fucile per uso sportivo; con il suo ricorso impugna il provvedimento con cui la Questura, sul presupposto che egli non è più affidabile per il possesso e l’utilizzo delle armi - essendo stato iscritto nel registro degli indagati a seguito della presentazione di una querela da parte della coniuge (con cui è in corso la separazione) per il reato di maltrattamenti in famiglia - ha disposto nei suoi confronti la revoca dell’anzidetta licenza.    

 

Viste le rispettive posizioni delle parti assunte in causa, il Tar dice: “… il giudizio prognostico deve essere effettuato sulla base del prudente apprezzamento di tutte le circostanze di fatto rilevanti nella concreta fattispecie, al fine di verificare il potenziale pericolo rappresentato dalla possibilità di utilizzo delle armi possedute, e deve estrinsecarsi in una congrua motivazione, che consenta in sede giurisdizionale di verificare la sussistenza dei presupposti idonei a far ritenere che le valutazioni effettuate non siano irrazionali o arbitrarie”.

 

In altri termini l’Amministrazione, nel disporre la revoca di una licenza già rilasciata deve svolgere un’istruttoria congrua e adeguata, di cui deve dare conto in motivazione, la quale abbia ad oggetto la personalità e la condotta complessiva del soggetto e che tenga dunque conto anche del percorso di vita successivo agli episodi ritenuti ostativi.

 

Ora, nel caso esaminato, la Questura si è limitata a formule di stile e all’enunciazione di principi giurisprudenziali senza riferimenti specifici e concreti alla personalità del ricorrente e alla sua condotta di vita.

 

In pratica, l’inaffidabilità dell’interessato al corretto utilizzo dell’arma è stata desunta dalla sola querela sporta dalla coniuge (che, peraltro, risulta essere stata presentata in un contesto di separazione giudiziale avviata solo pochi giorni prima, con ricorso al Tribunale), dalla quale è scaturita l’iscrizione dello stesso nel registro degli indagati.

 

Inoltre, aggiunge il tribunale, la valutazione compiuta dalla Questura e posta a base della revoca della licenza di porto di fucile si rivela contraddittoria rispetto ad altri atti amministrativi, tenuto conto della circostanza che, a soli due mesi di distanza, l’Arma dei Carabinieri, “in ossequio al provvedimento in tal senso emesso dal Prefetto, ha provveduto a restituire al ricorrente l’arma di ordinanza, di cui il medesimo risulta essere tuttora in possesso per il regolare espletamento della sua attività di servizio.

 

 

 

Chiedi supporto legale

Altre informazioni?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi -3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 1953 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.