Mercoledì, 02 Giugno 2021 12:53

Tensioni in condominio e divieto detenzione armi

Scritto da

Il pericolo di abuso delle armi deve essere sempre provato e richiede un'adeguata valutazione non solo di un singolo episodio di tensione tra persone, ma anche della personalità del soggetto sospettato appunto di abuso.

 

 

 

Magari ti sarà già capitato di leggere post su questo particolare tema.

 

Posso dirti che, pur essendo un argomento più e più volte affrontato, rimane sempre attuale visto che i giudici se ne interessano costantemente.

 

Il Tar di Milano non fa eccezione e, proprio poco tempo fa, si è occupato del tema, con la sentenza n.  786 del 25.03.2021.

 

Una pronuncia che accoglie il ricorso dell’interessato, che si è visto notificare ingiustamente un divieto di detenzione armi.

 

Vediamo, allora, un po’ più da vicino il caso, sempre con l’intento di ricavarne il principio utile per una più ampia platea di persone appartenenti al mondo armiero.

 

Dunque, l'amministrazione ha disposto un divieto di detenere armi visto uno stato di tensione tra familiari conviventi, da un lato, e con il vicino di casa dall'altro.

 

Ebbene, dice il Tribunale: ferma restando la discrezionalità che connota il potere valutativo dell'amministrazione in materia, a tutela degli interessi primari della sicurezza pubblica e dell'ordine pubblico, non va dimenticato che la discrezionalità deve essere esercitata in coerenza con la situazione di fatto, oggettivamente esistente.

 

Discrezionalità non vuol dire inventare situazioni, o ipotizzare l’impossibile o l’inverosimile.

 

In tema di divieto di detenzione e porto d'armi, o di revoca dei titoli autorizzativi, il potere discrezionale della pubblica amministrazione va esercitato nel rispetto dei canoni tipici della discrezionalità amministrativa, sia sotto il profilo motivazionale, sia sotto quello della coerenza logica e della ragionevolezza, dandosi conto in motivazione dell'adeguata istruttoria espletata.

 

Il pericolo di abuso delle armi deve essere comprovato e richiede un'adeguata valutazione non solo del singolo episodio, ma anche della personalità del soggetto sospettato, che possa giustificare un giudizio prognostico sulla sua sopravvenuta inaffidabilità, come in caso di personalità violente, aggressive o prive della normale capacità di autocontrollo.

 

Nel caso esaminato dal Tar Milano l'amministrazione ha centrato l'intera valutazione su un ipotizzato coinvolgimento dell’interessato in una lite condominiale che interessava la madre; lite dalla quale sarebbe derivata l'apertura di un procedimento penale a carico di entrambi, fermo restando che l'amministrazione non ha però precisato l'oggetto di tale procedimento.

 

Non solo: il provvedimento non ha messo niente in risalto circa l'effettiva consistenza del coinvolgimento del ricorrente nella vicenda e neppure vi sono indicazioni in ordine a suoi comportamenti violenti o tali da evidenziare, comunque, una sua inaffidabilità rispetto alla detenzione delle armi.

 

In conclusione: la persona interessata ha ragione è il divieto viene annullato, con condanna alle spese per il Ministero dell’Interno.

 

 

 

Chiedi supporto legale

Altre informazioni?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi -3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 1278 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.