Martedì, 06 Luglio 2021 14:57

A caccia scambiandosi lo stesso fucile: conseguenze e ricorso

Scritto da

Cosa succede se ti segnalano alle Autorità di Pubblica Sicurezza per aver esercitato la caccia scambiandoti, con altra persona, lo stesso fucile semiautomatico.

 

 

chiedi consulenza

 

 

Ti trovi in questa inaspettata situazione.

 

Sei titolare di licenza di porto d’armi uso venatorio; mentre ti trovi a caccia vieni segnalato per utilizzo di mezzo vietato all’attività venatoria e uccisione di specie protetta, oltre che per omessa custodia dell’arma.

 

Nella stessa occasione tuo fratello, che non ha la licenza ma che si trova con te, viene denunciato per porto abusivo di arma e per porto di armi ed oggetti atti ad offendere.

 

Secondo loro stavi esercitando la caccia scambiandoti lo stesso fucile semiautomatico con tuo fratello, con ausilio di un richiamo acustico elettromagnetico e per giunta abbattendo specie particolarmente protette.

 

Non c’è che dire: sulla base della segnalazione le Autorità di Pubblica Sicurezza emettono subito per tutti e due il divieto di detenzione delle armi e, per te in particolare, la revoca della licenza oltre al ritiro delle armi detenute.

 

Siccome non ti viene data la possibilità di difenderti nell’immediatezza e neppure dopo l’avvio del procedimento, non condividendo una parola di quanto viene verbalizzato dalla Polizia presenti un ricorso, così come fa tuo fratello del resto.

 

Nel ricorso esponi una versione dei fatti all’esatto opposto di quella data dalla Polizia intervenuta.

 

Affermi innanzitutto che i provvedimenti si basano su una ricostruzione sbagliata dei fatti.

 

In particolare metti in evidenza che, al momento del controllo della Polizia vi trovavate all’interno di un capanno e nessuno di voi stava utilizzando il fucile.

 

Sottolinei, peraltro, come tu solo esercitavi la caccia con il tuo fucile regolarmente detenuto e portato mentre tuo fratello, privo di porto d’armi, si limitava ad accompagnarti assistendo alle operazioni.

 

L’Autorità di pubblica sicurezza, dal canto suo, non pensa di andare a verificare i fatti segnalati, ma di accontentarsi recependo la ricostruzione proposta dal Comando della Polizia Provinciale.

 

Ora, il tribunale al quale ti rivolgi [1], tra le varie tue contestazioni da un peso rilevante alla mancata comunicazione di avvio del procedimento da parte dell’Autorità, che poi conduce al provvedimento inibitorio a tuo e vostro danno.

 

Di fatto questa omissione ti ha impedito di presentare le vostre osservazioni e repliche difensive, rispetto a quanto annotato dal Comando.

 

Si tratta di un fatto assai grave dal punto di vista processuale e sostanziale, in quanto non è stato consentito un vostro diretto coinvolgimento difensivo all’interno del procedimento che ha, appunto, portato a chiudere in fretta e furia la pratica con i divieti.

 

Di fronte a tanto il Tar non può che accogliere il tuo ricorso, così come quello di tuo fratello, con condanna dell’amministrazione pure alle spese di causa.

 

Come puoi vedere la casistica in materia di diritto delle armi è sterminata.

 

Se vuoi assistenza legale, affidati solo a professionisti specializzati in diritto amministrativo delle armi.

 

In Italia non siamo tanti; leggi ed esamina le mie pubblicazioni in rete e poi contattami se vuoi assistenza.

 

[1] Tar Brescia Sezione Prima, sentenza n. 609 del 04.08.2020.

 

 

 

chiedi consulenza

Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 2772 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.