Giovedì, 15 Luglio 2021 18:34

Fucile uso caccia: ricorso contro diniego del Questore

Scritto da

Rigetto dell’istanza di riesame contro il decreto di diniego del porto di fucile per uso caccia. Le regole di base da sapere per presentare il ricorso.

 

Indice

Il decreto sfavorevole della Questura

Come impugnare il decreto

Come impostare il ricorso

Come scegliere avvocato giusto

 

Il decreto sfavorevole della Questura

Sei una persona che ama il mondo della caccia e, per quanto tu ne possa sapere, sei stato sempre attento a non commettere violazioni che potessero minacciare il porto di fucile.

 

Pensi che non è colpa tua se, in alcune occasioni, sei stato controllato con persone gravate da precedenti penali.

 

Ma, in finale, se una persona che neppure conosci bene è gravata da precedenti tu che cosa ne puoi sapere?

 

Mica quando parli con un conoscente gli chiedi informazioni sulla sua fedina penale. O no?

 

Eppure, per la Questura non è così.

 

Il fatto di essere stato controllato in diverse occasioni con persone che avevano gravi precedenti penali e di Polizia, fra i quali ricettazione e detenzione abusiva di armi, fa si che la tua istanza di riesame contro il diniego del porto di fucile uso caccia venga bocciata.

 

Anzi, non servono neppure le tue memorie difensive successive dove cerchi di spiegare la tua estraneità: per la Questura non ci sono elementi di novità e, quindi, conferma il rigetto punto e basta.

 

Come impugnare il decreto

A questo punto ti stai chiedendo come fare per uscire da questo problema?

 

Ebbene: la risposta che posso darti subito è di pensare ad un ricorso al tribunale amministrativo, con un avvocato che abbia esperienza in diritto amministrativo delle armi.

 

Parlo del ricorso al Tar.

 

L’altra cosa che ti chiedi è questa: in sede di ricorso come posso meglio impugnare il diniego del Questore visto il rigetto del riesame precedente?

 

In sostanza, come puoi fare a convincere il collegio di giudici ad accogliere il tuo ricorso?

 

Bene. Ti dico che, ovviamente, l’esito della causa, come puoi facilmente intuire da solo, non è mai scontato.

 

Questo è bene sempre tenerlo a mente.

 

Tuttavia in questa materia puoi contare su alcuni criteri che possono aiutarti a raggiungere il buon esito che speri.

 

 

 

Come impostare il ricorso

Vediamo allora quali sono questi punti fermi del ricorso.

 

Per impugnare il decreto non favorevole del Questore devi inserire nel ricorso solo argomenti persuasivi che possono far breccia nella testa dei giudici [1].

 

Cioè devi portare il Collegio a dire che, a fronte della circostanza che gli elementi a te sfavorevoli risalgono magari a tanti anni fa, oggi manca del tutto il richiamo ad elementi ulteriori ed aggiornati.

 

Inoltre, metti in risalto nel ricorso quanto segue: è cosa nota che l’Amministrazione deve dimostrare, attraverso una compiuta istruttoria, la persistente attualità degli elementi a suo tempo ritenuti ostativi al rilascio del titolo di polizia.

 

Eccoti quindi spiegato, sia pur in estrema sintesi, come impugnare un decreto sfavorevole del Questore che ha respinto la tua istanza di riesame avverso il decreto di diniego del porto di fucile per uso caccia.

 

 

 

Come scegliere avvocato giusto

E’ chiaro che, al di là delle indicazioni di massima date sopra, se vogliamo possiamo andare molto più a fondo studiando il singolo caso.

 

Tutto il discorso difensivo ovviamente ha un senso se il ricorso lo affidi ad un professionista che tratta tutti i giorni la materia del diritto amministrativo delle armi.

 

Troppe volte, infatti, i ricorrenti fanno presentare il ricorso ad avvocati che, pur essendo bravissimi in altre materie poco sanno delle armi e, per conseguenza, i ricorsi che vengono proposti da loro alla fine risultano carenti.

 

Per approfondire, consulta le mie pubblicazioni in rete sui portali MiaConsulenza e StudioCataldi: troverai centinaia di articoli tematici che ti aiuteranno a scegliere l’assistenza legale su misura per il tuo caso.

 

[1] ­­­­­­­­Tar per la Calabria, sentenza n. 502 del 31.05.2021.

 

 

Chiedi una consulenza

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 852 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.