Giovedì, 22 Luglio 2021 10:56

Armi, revoca licenza e parentele scomode: come funziona?

Scritto da

Il semplice legame di parentela, con soggetto condannato per gravi reati, da solo non è elemento valido per la formulazione da parte del Ministero dell’Interno del giudizio di non affidabilità della persona destinataria di una revoca della licenza di porto di fucile uso tiro a volo.

 

 

 

Indice

Parentele scomode

Come si valuta la parentela scomoda

Errori della Questura

Come risolvere

 

 

 

Parentele scomode

Sei nel mondo delle armi ed avrai sentito dire, sicuramente, che le Questure hanno la facoltà di dare un significato non favorevole alla presenza di parenti in famiglia che hanno avuto precedenti con la giustizia.

 

Magari avrai avuto tu stesso questo tipo di informazioni, o forse l’avrai letta su internet, oppure parlando con amici e parenti l’avrai appresa.

 

Se questi parenti con un passato problematico sono stati sotto processo per reati gravi, per l’amministrazione la questione si appesantisce.

 

Comunque, i problemi possono presentarsi anche se quei precedenti penali furono non gravi.

 

 

Come si valuta la parentela scomoda

Vero è, però, che il semplice legame di parentela con soggetto condannato per gravi reati, in genere da solo non è elemento valido per la formulazione da parte del Ministero dell’Interno del giudizio di non affidabilità della persona destinataria di una revoca, ad esempio della licenza di porto di fucile uso tiro a volo.

 

 

 

 

Errori della Questura

In questo tipo di giudizio è bene sapere che l'autorità commette un errore se valuta il rapporto familiare, mettendolo a fondamento del provvedimento di revoca, indipendentemente dalla dimostrazione che tale rapporto possa in qualche modo incidere sul modo di agire dell’interessato destinatario appunto del diniego.

 

In realtà l’autorità di pubblica sicurezza, ferma ovviamente la risaputa ampia discrezionalità che tratteggia questi provvedimenti, deve obbligatoriamente motivare il proprio diniego, evitando di fondarsi su mere supposizioni ma basandosi su elementi di fatto collegati alla persona del richiedente e, quindi, ragionare sulla base di deduzioni logiche.

 

In pratica: nella motivazione deve spiegare in dettaglio l’istruttoria che ha svolto.

 

In questo modo può porre bene in luce le circostanze di fatto in ragione delle quali il soggetto, al di là dei rapporti parentali, sia stato ritenuto pericoloso o comunque capace di abusare delle armi, chiarendo anche gli indici significativi dell'inaffidabilità di questa persona.

 

Aggiungo che, se al momento del rilascio della licenza questi legami con parenti scomodi erano già noti all’amministrazione e non ebbero peso nella valutazione, non si vede perché in sede di rinnovo la Questura debba cambiare immotivatamente indirizzo.

 

Cioè: non è che il Ministero a suo piacimento può ripensare ai motivi che avevano giustificato il rilascio e in sede di rinnovo decidere, di soppiatto, per il cambiamento in negativo del favorevole indirizzo iniziale.  

 

Il Ministero dell’Interno, insomma, ha in dotazione il potere dato dalla discrezionalità nel decidere, ma attenzione: si tratta di un potere che, per Legge, ha pur sempre un perimetro.

 

Questo confine, posto a tutela della parte privata e quindi, del cittadino, è dato dal divieto di adottare decisioni arbitrarie.

 

Come risolvere

Quindi, per concludere, il funzionamento della pratica è il seguente.

 

Revocare la licenza non può mai essere un atto amministrativo capriccioso e inspiegabile dal punto di vista logico.

 

Se l’autorità decide per la revoca deve fare attenzione a precisare con dovizia di particolari come e perché ritiene che la presenza di parentele familiari scomode deponga per un giudizio di inaffidabilità del destinatario della revoca.

 

Se invece, leggendo il provvedimento di revoca ti accorgi che non lo ha fatto, allora devi presentare il ricorso.

 

Senza pensarci due volte.

 

Ovviamente, ti consiglio di consultarti con l’avvocato specializzato in diritto amministrativo delle armi, almeno per avere le informazioni di prima mano che ti serviranno per decidere.

 

 

 

 

Altre informazioni?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Letto 1215 volte Ultima modifica il Giovedì, 22 Luglio 2021 14:41
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.