Martedì, 27 Luglio 2021 17:24

Sospensione della licenza di porto di fucile uso caccia

Scritto da

Casi in cui il Questore può sospendere la licenza. Durata effettiva del periodo di sospensione. Collegamenti con il procedimento penale sottostante.

 

 

 

Quando viene sospesa una licenza bisogna capire qual è l’effettivo periodo di durata della sospensione, ciò al fine di decidere se è il caso di presentare il ricorso avverso il provvedimento amministrativo.

 

Infatti, non sempre questo periodo è chiaro e spiegato bene nel provvedimento che adotta la Questura.

 

Come criterio guida generale posso dirti che il provvedimento di natura cautelare deve avere una durata certa e limitata al solo tempo necessario a fronteggiare situazioni temporanee.

 

Deve essere determinato sulla base delle circostanze specifiche contingenti, delle quali l’Amministrazione è tenuta a dar conto con adeguata motivazione.

 

Anche nel caso del porto d’armi la sospensione è per un lasso di tempo predeterminato, non eccedente quanto strettamente necessario a soddisfare gli interessi pubblici perseguiti e, comunque, non superiore a quello normativamente fissato per l’esercizio dell’autotutela decisoria.

 

Nei casi in cui la sospensione è disposta sino alla definizione del procedimento penale, essa decorre da quella definizione, non prima.

 

Un caso rientrante in questa categoria è stato trattato, e favorevolmente risolto per la parte privata, dalla Prima Sezione del Tar Brescia con la sentenza n. 675 del 23.07.2021.

 

Al ricorrente era stata sospesa, fino alla definizione del procedimento penale, la licenza di porto di fucile per uso caccia con la previsione che, qualora detto procedimento penale per violazioni in materia di caccia si fosse concluso con la condanna o per intervenuta oblazione, il titolo di polizia doveva ritenersi automaticamente sospeso per il periodo di un anno a far data dalla consegna dello stesso all’Autorità di Polizia.

 

Il provvedimento era stato assunto perché l’interessato era stato deferito all’Autorità giudiziaria per avere cacciato avifauna particolarmente protetta, mediante l’utilizzo di trappole.  

 

Nel caso esaminato dal tribunale, contrariamente a quanto sostenuto dalla Questura non era vero che la sospensione del titolo aveva durata di un anno, dato che il provvedimento parlava esplicitamente di sospensione fino alla definizione del procedimento penale.

 

In effetti, se il procedimento penale si fosse concluso con una sentenza di condanna o l’ammissione all’oblazione per il capo di imputazione più grave, la sospensione cautelare si sarebbe trasformata in sospensione sanzionatoria per la durata di un anno.

 

Il che rendeva evidente da un lato che la sospensione cautelativa poteva durare anche più a lungo della sanzione applicata al termine del processo penale, e, dall’altro lato, che non vi era predeterminazione del periodo di sospensione, essendo questa ancorato alla durata variabile del processo penale.

 

Dunque, in conclusione, questa chiara distorsione ha fatto in modo che il Tar annullasse il provvedimento del Questore, con l’ordine esplicito all’amministrazione di riesaminare la questione e calcolare precisamente la durata del provvedimento cautelativo.

 

 

 

Vuoi assistenza legale?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Letto 722 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.