Martedì, 21 Settembre 2021 19:03

Divieto detenzione armi e reati commessi da altri

Scritto da

Il reato commesso da una persona non può giustificare l’emissione del divieto di detenzione armi a carico di chi gli stava vicino senza aver fatto niente.

 

 

 

Il Prefetto dispone a tuo carico un divieto di detenzione armi, mentre il Questore decide di revocarti le licenze uso caccia e tiro a volo.

 

Il provvedimento nasce da un unico controverso episodio, dove tu vieni in pratica accusato dalla Questura per un fatto in realtà commesso da una persona che ti era vicina, in occasione di un alterco in sede condominiale.

 

In pratica questa persona aveva spruzzato dello spray urticante verso un litigante che, in quella sede, stava commettendo probabilmente un illecito.

 

Una volta avviata la pratica amministrativa, tu hai spiegato che si è trattato di un episodio che ti ha visto del tutto estraneo ai fatti, dal momento che ti sei tenuto distante dal litigio, verificatosi appunto tra terzi.

 

Hai solo chiamato la Polizia.

 

Ebbene, il tribunale ti dà ragione ed annulla i provvedimenti.  

 

Il perché è presto spiegato: allo stato degli atti posti alla conoscenza dei giudici, non ti si può attribuire una qualche forma di responsabilità per i reati, in ipotesi, materialmente commessi da un altro in possesso dello spray nascosto nel giubbino: con tale mezzo lui ha provocato lesioni all’antagonista, non tu.

 

Insomma non emergono elementi indiziari per poter ascrivere tali reati alla tua volontà, o per poter individuare un tuo -sia pur minimo- contributo morale o materiale alla realizzazione delle condotte oggetto d'indagine penale.

 

Per questo i magistrati annullano i provvedimenti e tu vinci la causa, con condanna del Ministero dell’Interno alle spese [1].

 

 

 

[1] Tar Firenze Sezione 2, sentenza n. 1445 del 18.11.2020.

 

 

 

Chiedi consulenza legale

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 1043 volte Ultima modifica il Martedì, 21 Settembre 2021 19:05
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.