Giovedì, 14 Ottobre 2021 16:52

Armi e condanne penali

Scritto da

Divieto detenzione armi. Le condanne per fatti che non rilevano sul porto di fucile sono importanti o insignificanti?

 

 

 

Non tutti i fatti penalmente rilevanti, quale che sia il livello di certezza raggiunto in sede giudiziaria, possono essere ugualmente significativi ai fini del giudizio ex art. 39 del T.U.L.P.S., cioè di quel giudizio in base al quale il Prefetto ha la facoltà di vietare la detenzione delle armi.

 

Vediamo, a questo proposito, cosa ne pensa il tribunale amministrativo [1].  

 

Come premessa possiamo dire che la facoltà di detenere e portare armi corrisponde ad un interesse del privato cedevole di fronte al ragionevole sospetto di abuso della facoltà medesima.

 

Secondo la Legge attuale l’Amministrazione può legittimamente negare la detenzione e il porto d’armi, anche qualora la condotta dell’interessato presenti soltanto segni di pericolosità o semplici indizi di inaffidabilità.

 

Insomma: ai fini della revoca o del diniego dell’autorizzazione possono assumere rilevanza anche fatti isolati, ma significativi, potendo altresì l'Amministrazione valorizzare nella loro oggettività sia fatti di reato diversi, sia vicende e situazioni personali del soggetto che non assumano rilevanza penale, concretamente avvenuti, anche non attinenti alla materia delle armi, da cui si possa desumere la non completa “affidabilità” all’uso delle stesse.

 

Tutto questo in generale e come premessa.

 

Da un altro punto di vista, in tema di divieto di detenzione e porto d'armi il potere discrezionale della Pubblica amministrazione va esercitato nel rispetto dei canoni tipici dell’esercizio della discrezionalità amministrativa, sia sotto il profilo motivazionale che sotto quello della coerenza logica e ragionevolezza.

 

Quindi la motivazione deve dare conto dell'istruttoria espletata al fine di evidenziare circostanze di fatto in ragione delle quali la persona in questione sia ritenuta pericolosa o comunque capace di abusi.

 

Nella materia in esame il giudizio prognostico deve essere effettuato sulla base del prudente apprezzamento di tutte le circostanze di fatto rilevanti nella concreta fattispecie, al fine di verificare il potenziale pericolo rappresentato dalla possibilità di utilizzo delle armi possedute, e deve estrinsecarsi in una congrua motivazione, che consenta in causa di verificare la sussistenza dei presupposti idonei a far ritenere che le valutazioni effettuate non siano irrazionali o arbitrarie.  

 

Ciò premesso, è stato affermato che non tutti i fatti penalmente rilevanti (quale che sia il livello di certezza raggiunto in sede giudiziaria) possono essere ugualmente significativi ai fini del giudizio ex art. 39 del T.U.L.P.S.

 

Infatti:

- quando risultino reati, o imputazioni di reati, commessi proprio mediante l’uso o l’abuso delle armi, l’inaffidabilità del soggetto emerge da sola, cosicché il divieto di detenzione delle armi non richiede, in genere, altra motivazione;

 

- in altri casi, pur mancando una diretta relazione con l’uso delle armi, si potrà sostenere che taluni reati siano rilevanti ai fini del divieto, siccome indicativi di una personalità portata alla violenza fisica contro le persone;

 

- infine, la cosa che più ci interessa: per tutti quei reati nei quali non solo manca l’impiego delle armi, ma che neppure danno, almeno in prima approssimazione e secondo il comune sentire, alcuna indicazione indiretta riguardo ad una supposta propensione all’abuso delle medesime, la possibilità di trarne elementi di valutazione ai fini del divieto, se non è esclusa in radice, quanto meno è remota e legata a particolari contingenze, da indicare per bene in motivazione.

 

 

 

Assistenza legale

Dispongo di tante sentenze in materia: vuoi conoscerle?

Se hai bisogno di assistenza legale scrivimi o chiamami.

 

 

 

[1] Tar Catania, Sezione Prima, sentenza n. 3084 pubblicata in data 11.10.2021.

 

 

 

Chiedi consulenza legale

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Letto 1346 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.