Domenica, 17 Ottobre 2021 18:48

Detenzione armi

Scritto da

Principi che regolano la materia delle autorizzazioni alla detenzione e uso delle armi. Come ricorrere al Tar e vincere sul rigetto dell’istanza di rinnovo della licenza di porto fucile per uso tiro a volo e sulla revoca della licenza di porto fucile per uso caccia.

 

 

 

Prima di arrivare alla soluzione del problema, una premessa sui principi che regolano la materia delle autorizzazioni alla detenzione e uso delle armi, i quali fanno leva sulla regola generale vigente nel nostro ordinamento del divieto per i cittadini di portare le armi.

 

Le sentenze ormai costantemente affermano che il porto d'armi è un’eccezione a tale divieto e che le valutazioni in ordine al suo rilascio, rinnovo o revoca sono sindacabili in sede giudiziale per illogicità o carenza della motivazione, non per i profili di merito.

 

L'interesse privato al possesso di un'arma, deve, di regola, cedere di fronte all'interesse superiore dello Stato a tutelare, in via esclusiva, la sicurezza dei cittadini.

 

Il punto di equilibrio, in sostanza, tra gli interessi di tutela della sicurezza e incolumità pubblica e quello privato alla detenzione e all’utilizzo di un’arma è individuato, oltre che mediante il rilascio della autorizzazione in presenza di accertati requisiti di affidabilità, mediante l’esercizio della facoltà prefettizia di vietare la detenzione delle armi ed al Questore di revocare la concessa licenza.

 

La verifica del requisito di affidabilità di una persona ha lo scopo di prevenire, per quanto possibile, i delitti, ma anche i sinistri involontari, che potrebbero avere occasione per il fatto che vi sia la disponibilità di armi da parte di soggetti non pienamente affidabili.

 

Essa si ha non per esclusione della sussistenza di pericolosità sociale, bensì per un favorevole giudizio preventivo sull'affidabilità del soggetto e sull'assenza di rischio di abusi.

 

E questa era la premessa.

 

Ora veniamo agli esempi concreti e a come risolvere alcuni problemi.

 

Mettiamo il caso che il Questore rigetti l’istanza di rinnovo della licenza di porto fucile per uso tiro a volo e revochi la licenza di porto fucile per uso caccia, basandosi sul riscontro di frequentazioni con soggetti controindicati in alcuni controlli di polizia.

 

Sulle cosiddette “cattive” frequentazioni dei richiedenti la licenza, va detto che esse possono essere valutate dall'Amministrazione come ostative al rilascio o al rinnovo di una licenza di porto d'armi.

 

Quindi potrebbe pure essere ragionevole un diniego, atteso che chi fa istanza deve dare pieno affidamento sulla sua buona condotta.

 

Tuttavia dovrà pur sempre essere operata una valutazione complessiva della personalità del soggetto, senza adottare decisioni sbagliate.

 

E dunque non senza avere, da una parte rilevato che le frequentazioni del richiedente con pregiudicati si siano svolte magari in circostanze di tempo e luogo che denotano non potersi trattare di mero contatto occasionale; dall’altra, valutando in concreto l'incidenza di tali frequentazioni in ordine al giudizio di abuso delle armi.

 

Ebbene, se nel caso concreto la Questura da valore a pochi episodi di frequentazioni con soggetti pregiudicati, bisognerà sempre appurare se si è trattato di rapporti occasionali o stabili e ripetuti nel tempo.

 

Se si è trattato di rapporti occasionali, questi non saranno rilevanti.

 

Inoltre, bisognerà sempre tenere in debito conto che magari la persona interessata ha da tanti anni la titolarità del porto d’armi senza avere mai avuto problemi d’uso di armi o precedenti neppure di polizia, o anche ha una tranquilla situazione familiare e lavorativa e non sussistono altri indizi negativi che minano la sua buona condotta.

 

In conclusione: in materia di detenzione armi, in tutti i casi in cui le valutazioni del Ministero dell’Interno appaiono sballate, perché si scambiano fischi per fiaschi affermando per esempio che un occasionale incontro con un pregiudicato compromette la propria affidabilità, ecco in tutti questi casi il ricorso al Tar andrà certamente presentato perché, con ogni probabilità, verrà accolto.

 

Del resto, sono i fatti a parlare e una tra le sentenze che confermano quanto sopra detto è la n. 1746, pubblicata in data 12.10.2021 dalla Sezione Prima del Tar Calabria.

  

 

 

Chiedi consulenza legale

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 419 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.