Domenica, 24 Ottobre 2021 19:24

Smarrimento di munizioni

Scritto da

Ottima sentenza del Tar Torino Sezione Prima, n. 440/21 pubblicata in data 27.04.2021.

 

 

 

Il punto di partenza della vicenda è questo.

 

Il Prefetto rigetta un’istanza di rilascio della licenza di porto di pistola per difesa personale.

 

Il diniego è però fondato su motivazioni sbagliate, come segnala il tribunale.

 

In pratica, al di là del fatto che l’interessato ed alcuni suoi familiari risulterebbero gravati da precedenti penali, a detta dell’autorità vi sarebbe un episodio di smarrimento di due munizioni in una camera d’albergo, che secondo loro denoterebbe l’inaffidabilità della persona in questione all’uso delle armi.

 

Ma il diniego va oltre.

 

A suo sostegno ci sarebbe il fatto che questa persona avrebbe dichiarato fatti non rispondenti al vero, in quanto egli non risulterebbe titolare di attività imprenditoriali.

 

Poi si aggiunge il fatto che egli non risulterebbe affiliato ad alcuna organizzazione criminale e, quindi, non vi sarebbe un pericolo tale da giustificare il rilascio di una licenza di porto d’arma.

 

Il Tar la pensa però diversamente ed accoglie il ricorso della parte privata.

 

Per spiegare il punto di vista dei magistrati, andiamo un attimo indietro nel tempo.

 

In effetti il ricorrente ha riportato una condanna per lesioni personali oltre trent’anni fa, prima di conseguire la licenza di porto d’armi.

 

Ma la licenza gli è stata poi confermata per oltre trent’anni e fino a qualche anno fa; pertanto, una condanna così indietro nel tempo non può fondare adesso un giudizio sfavorevole sulla personalità del ricorrente.

 

Poi, aggiunge il giudice: identiche considerazioni valgono per la condanna riportata per omesso pagamento di accise su oli lubrificanti, trattandosi di fattispecie di reato che non attiene, neppure indirettamente, all’utilizzo delle armi per difesa personale, né sembra segno di pericolosità sociale.

 

Ancora: un’asserita segnalazione per ingiuria non è stata documentata dall’Amministrazione.

 

Veniamo però ora alla questione delle cartucce smarrite.

 

C’è effettivamente questa circostanza nella vicenda ricostruita dal Tar: ma un episodio di smarrimento di due cartucce, risalente a svariati anni fa, non può essere idoneo a fondare un giudizio negativo sull’affidabilità del ricorrente all’uso delle armi.

 

Poi, parliamo di una persona che, in corso di causa, spiega di essere titolare in proprio e con la partecipazione dei suoi familiare, di aziende attive nel settore della compravendita di immobili, del commercio e dello stoccaggio di combustibili, della ristorazione.

 

Sulla base di questi presupposti, prosegue il Tar, appare indubitabile, anche vista pure una recente querela, la sussistenza di una situazione di allarme, in seguito alle minacce ed a circostanze descritte in dettaglio dallo stesso ricorrente all’Autorità di Polizia.

 

Insomma: il diniego è fondato su elementi non idonei a giustificare un giudizio complessivo negativo, sulle esigenze di difesa e sull’affidabilità del ricorrente.

 

Pertanto il ricorso viene accolto e il tribunale da ragione alla parte privata.

 

L’amministrazione deve riesaminare l’istanza della persona interessata.

 

 

 

Vuoi assistenza legale?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Letto 1270 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.