Domenica, 28 Novembre 2021 09:26

Armi: remissione di querela e accettazione

Scritto da

La Questura non può respingere l’istanza di rinnovo della licenza di porto di fucile ad uso caccia se la querela del convivente è stata rimessa.

 

 

 

Presenti un’istanza di rinnovo della licenza di porto di fucile ad uso caccia.

 

Il Questore però te la respinge per alcuni motivi:

 

1) il tuo deferimento all’Autorità Giudiziaria per un’ipotesi di reato di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico;

 

2) l’esistenza di controlli di polizia, durante i quali sei stato colto in compagnia di persone gravate da pregiudizi;

 

3) la tua coabitazione con coniuge gravato da pregiudizio ostativo.

 

Tu, però, notificando il ricorso, sostieni che non c’è prova di quanto affermato dalla Questura.

 

Avviata la causa davanti il Tar, i giudici accolgono la tua domanda di annullamento [1], per il fatto che nel provvedimento non ci sono elementi idonei per poter dimostrare ciò che è stato sostenuto dall’Ufficio.

 

Questo perché sulla questione del reato di falsità ideologica risulta che c’è stata l’archiviazione e poi, a ben vedere, il solo deferimento non indica alcun dettaglio sulla condotta materiale.

 

Sui controlli non c’è prova che l’accompagnamento con queste persone abbia portato a pregiudizi sulla tua affidabilità.

 

Sulla coabitazione con la persona gravata, non ci sono sufficienti elementi probatori o indiziari per aggravare la marginalità della condotta. Per altro, la stessa Prefettura su questa questione ha, in un primo momento, emesso un divieto di detenzione armi e poi, successivamente, lo ha rimosso.

 

Segno questo che nei tuoi confronti c’è stato un favorevole giudizio sull’affidabilità, che non può essere contraddetto dall’altro Ufficio.

 

In definitiva: come spesso accade l’amministrazione con la discrezionalità di cui dispone sembra che possa dire tutto e il contrario di tutto; ma è altrettanto vero che quando valuta lo deve fare attenendosi ai dati oggettivi di cui dispone.

 

Insomma ci deve essere una motivazione robusta nel provvedimento, altrimenti questo viene annullato.

 

Quindi svolgere bene l’istruttoria, lo ripetiamo ormai spesso, è un aspetto fondamentale di cui i giudici tengono conto e sanno dire bene quando questa manca a danno del cittadino.

 

 

 

[1] Tar Basilicata Sez. Prima, sentenza n. 706/2021 pubblicata il 05.11.2021.

 

 

 

Vuoi assistenza legale?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Letto 2078 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.