Lunedì, 06 Dicembre 2021 17:13

Armi: quando il “no” al rilascio della licenza è sbagliato

Scritto da

La domanda di rilascio della licenza di porto di fucile per uso tiro a volo va accolta anche se a carico del richiedente ci sono stati, in passato, precedenti penali.

 

 

 

Di fronte ad un provvedimento con il quale il Questore dovesse respingere una domanda di rilascio della licenza di porto di fucile per uso tiro a volo, perché a carico dell’interessato ci sono vecchi precedenti penali, tra cui per esempio emissione di assegno senza provvista, guida in stato di ebbrezza alcolica, convivenza con consanguinei aventi precedenti penali e di polizia, il tribunale [1] darà ragione al ricorrente che si vedrà respinta la domanda.

 

Perché?

 

E’ presto detto.

 

Innanzitutto risulterà illegittimo il diniego di rinnovo di porto d'armi, motivato con riferimento alle condanne penali per fatti di reato indietro nel tempo, e che non hanno alcuna attinenza rispetto all'uso delle armi.

 

Poi, da un singolo episodio isolato di guida alterata dall'alcol non potrà scaturire automaticamente anche un divieto generale di detenzione delle armi, se la motivazione non dovesse supportare un giudizio di pericolosità sociale dell'interessato per l'ordine e la sicurezza pubblica.

 

Inoltre, neppure il contesto della famiglia potrà assumere una sua rilevanza ai fini del diniego, soprattutto se la persona interessata ha abbandonato quella casa di provenienza, magari acquistando una propria abitazione.

 

Insomma, tutti motivi per far sì che il respingimento della domanda verrà senz’altro dichiarato ingiusto e illegittimo dai giudici e, quindi, alla fine annullato.

 

 

 

[1] Tar Lombardia, Milano, Sezione Prima, sentenza n. 2664/21 pubblicata il 03.12.2021.

 

 

 

Vuoi assistenza legale?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Letto 656 volte Ultima modifica il Lunedì, 06 Dicembre 2021 17:18
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.