Mercoledì, 08 Dicembre 2021 21:22

Armi: come avere risarcimento quando sbaglia il Ministero dell’Interno

Scritto da

Regole da conoscere per presentare una domanda di risarcimento del danno, nei confronti del Ministero dell’Interno, nei casi in cui l’amministrazione sbaglia per colpa ad emettere un provvedimento negativo in materia di armi.

 

 

 

In tanti si pongono la domanda se l’amministrazione, quando sbaglia con i suoi provvedimenti negativi in materia di armi, può essere chiamata a risarcire i danni causati al cittadino.

 

In pratica, molte persone vogliono sapere come possono o devono fare per chiedere ed avere un risarcimento quando il Ministero dell’Interno sbaglia nell’adottare un provvedimento negativo nei loro confronti, in materia di armi.

 

Ebbene, la prima cosa da dire è che, e a certe condizioni, la domanda di risarcimento del danno causato dalla pubblica amministrazione può essere senz’altro proposta al giudice.

 

A questo proposito è però importante conoscere i criteri che regolano questa particolare domanda risarcitoria, ciò per evitare di presentare domande risarcitorie senza un futuro.

 

Ebbene, intanto la illegittimità dell'atto rappresenta, nella normalità dei casi, già un indice della colpa dell'amministrazione.

 

Questa colpa è tanto più grave quanto più intensa e non spiegata è l'illegittimità in cui l'apparato amministrativo è incorso.

 

In questi casi spetta all'amministrazione fornire elementi istruttori, o semplici asserzioni, per dimostrare l'assenza di una sua colpa diretta.

 

In sostanza: in tutti i casi in cui si nota che il provvedimento negativo emesso dal Ministero dell’Interno (Prefettura o Questura) è illegittimo, ecco che questo diventa un elemento idoneo a presumere la colpa della P.A.

 

Spetta poi a quest'ultima l'onere di provare il contrario.

 

Ma allora, visti questi presupposti, come si fa a capire in concreto quando c’è la colpa dell’Amministrazione, che sbaglia nell’emettere un provvedimento negativo a carico del cittadino?

 

Dunque, la colpa della pubblica amministrazione può essere individuata:

 

1) nella violazione dei canoni di imparzialità,

 

2) nella violazione della correttezza,

 

3) nella violazione della regola della buona amministrazione,

 

4) nella negligenza, intesa come compimento di un’attività senza la dovuta attenzione,

 

5)  nelle omissioni evitabili,

 

6) negli errori interpretativi di norme, errori ritenuti non scusabili.

 

Al contrario, la responsabilità del Ministero non c’è quando l'indagine conduce al:

 

a) riconoscimento dell'errore scusabile per la sussistenza di contrasti giudiziari,

 

b) all'incertezza del quadro normativo di riferimento,

 

c) o alla complessità della situazione di fatto.

 

Detto questo, sappiamo che l’Amministrazione si trova ad operare in un campo di indagine di per sé non governato da una regola precisa, da un canone di riferimento certo ed a contenuto unidirezionale, bensì volutamente soggetto ad un’ampia libertà di apprezzamento.

 

Proprio questa riflessione ci deve spingere a studiare con particolare attenzione ciascuna pratica che si presenta in studio, proprio per comprendere se nel singolo specifico caso si ritrovano quei presupposti, indicati sopra dal n. 1 al n. 6, idonei ad individuare una colpa risarcibile dell’Amministrazione degli Interni.

 

In conclusione: le sentenze in generale ammettono la domanda di risarcimento di questi specifici danni, a patto che si configuri uno, o più, tra i criteri sopra esposti dal n. 1 al n. 6.

 

 

 

Vuoi assistenza legale?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Letto 422 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.