Sabato, 18 Dicembre 2021 15:06

Armi: quando non si possono negare le autorizzazioni di polizia?

Scritto da

Le autorizzazioni di polizia possono essere negate quando è provata la mancanza della buona condotta dell’interessato, ma non quando è carente la buona condotta di terzi soggetti, per esempio familiari conviventi.

 

 

 

Occhio perché quello che ti riporto oggi è un’importante principio da tenere sempre presente in materia di armi.

 

Da anni lo segnalo non solo nei post ma, soprattutto, nei ricorsi.

 

Andiamo allora al sodo e vediamo di che si tratta.

 

Intanto ti dico subito che il criterio è stato anche ribadito dalla Prima Sezione del Tar Palermo, con la snella sentenza n. 3389/21 pubblicata in data 06.12.2021.

 

Dunque il principio è il seguente: le autorizzazioni di polizia possono essere negate quando è provata la mancanza della buona condotta dell’interessato, ma non quando è carente la buona condotta di terzi soggetti, per esempio di familiari conviventi con lui.

 

A prima vista sembra ovvio sostenerlo; tuttavia ne parlo io e ne parlano spesso i giudici, ma spesso il Ministero dell’Interno, Prefetture e Questure sembrano dimenticarlo.

 

Eppure è così.

 

Vediamo nel dettaglio.

 

L’apprezzamento dei requisiti soggettivi deve riguardare solo il soggetto richiedente, in quanto non è consentita l’adozione di un provvedimento sfavorevole basato esclusivamente sull’esistenza di legami parentali o di affinità con soggetti controindicati, non suscettibili, secondo una valutazione ragionevole, di rivelare un’effettiva mancanza di requisiti o di qualità richieste per la detenzione, concretizzandosi così in una sorta di indebita sanzione extralegale.

 

Tutto chiaro, quindi?

 

Non regge il divieto di detenzione di armi e munizioni emesso dalla Prefettura ed esclusivamente motivato sulla proposta della Questura in relazione al contesto familiare nel quale la persona in questione è inserita, magari perché figlio di Tizio e nipote di Caio, destinatari entrambi di divieto di detenzione armi e munizioni per i loro motivi.

 

Insomma, le cose da sapere sono queste.

 

Non sono rilevanti i rapporti di parentela e affinità, in assenza di frequentazioni e di altri specifici, concreti e attuali elementi da cui desumere il pericolo di abuso del titolo di polizia, poiché la valutazione dei requisiti soggettivi, sebbene si muova sulla discrezionalità, deve riguardare esclusivamente il destinatario dell’autorizzazione.

 

Quindi il provvedimento del Ministero non può essere motivato con riferimento ai rapporti di parentela e/o affinità senza che sia dimostrato il pericolo di abuso nell’esercizio del titolo da parte del richiedente.

 

A questo punto qualche norma va richiamata, per completezza del discorso.

 

Ricordiamo che, secondo l’art. 10, del r. d. n. 773 del 1931 (TULPS) le autorizzazioni di polizia possono essere revocate o sospese in qualsiasi momento, nel caso di abuso della persona autorizzata. 

 

Il successivo art. 39 prevede che il Prefetto ha facoltà di vietare la detenzione delle armi, munizioni e materie esplodenti, denunciate ai termini dell'articolo precedente, alle persone ritenute capaci di abusarne.

 

L’art. 43, ultimo comma, del TULPS dispone che la licenza può essere ricusata ai condannati per delitto diverso da quelli sopra menzionati e a chi non può provare la sua buona condotta o non dà affidamento di non abusare delle armi.

 

Bene: nelle norme ora richiamate non è richiesta la prova storica di un abuso delle armi, essendo sufficiente l'esistenza di elementi che fondino la ragionevole previsione di un uso inappropriato ma con preciso riferimento alla persona autorizzata.

 

In conclusione: qualsiasi provvedimento della Questura e/o della Prefettura che sia da loro motivato nel senso detto merita senza dubbio il ricorso per la richiesta di annullamento dell’atto, stando anche alle chiare indicazioni della sentenza segnalata.

 

 

 

Vuoi assistenza legale?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Letto 1105 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.