Giovedì, 10 Febbraio 2022 16:31

Fucile uso caccia: presento l’istanza e nessuno risponde

Scritto da

La domanda

Ho presentato un’istanza per il rilascio della licenza di porto di fucile ad uso caccia, ma l’ufficio non mi ha mai risposto. Non sapendo bene cosa fare mi sono informato e ho saputo che posso presentare un ricorso sul silenzio dell’amministrazione e chiedere l’adempimento: è così o mi devo muovere diversamente? Grazie Avv. Pandolfi.

 

 

 

La risposta

Si, lo può presentare, ma attenzione.

 

Se lei presenta ricorso sul silenzio dell’amministrazione, dovrà essere certo che a monte non ci sia magari, a suo carico, un precedente divieto di detenzione armi del Prefetto che ostacola questa risposta sull’istanza di rilascio della licenza.

 

Dico questo perché il divieto di detenzione di armi e munizioni è un provvedimento la cui efficacia nel tempo non è prestabilita dalla legge.

 

La conseguenza diretta è che, se alla data di presentazione dell’istanza di porto d’armi il divieto c’è, ne scaturisce l’incompatibilità della domanda con la sua situazione giuridica attuale.

 

Per giunta, Lei potrebbe avere un’ulteriore conseguenza: e cioè che la presentazione dell’istanza non farebbe sorgere alcun obbligo di provvedere (come sempre accade nelle ipotesi di istanze inammissibili o infondate) a carico dell’amministrazione.

 

Ovviamente, laddove fosse confermata la presenza del divieto, lei potrà sempre presentare una richiesta di revoca del provvedimento.

 

Sull’eventuale istanza di revoca l’amministrazione sarà tenuta a pronunciarsi con un suo provvedimento espresso e motivato, prendendo in considerazione gli elementi sopravvenuti.

 

Se ha bisogno di assistenza legale per seguire questi passaggi, non esiti a contattarmi.

 

 

 

Vuoi assistenza legale?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Letto 805 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.