Domenica, 20 Febbraio 2022 11:33

Divieto detenzione armi per colpa di mio figlio arrestato

Scritto da

La domanda

Buongiorno avvocato. Mio figlio è stato arrestato (per atti persecutori) presso la mia abitazione: questo purtroppo ha fatto sì che la Prefettura notificasse a me un divieto detenzione armi, pur avendo io (dopo) riposto le armi al terzo piano della mia palazzina di tre piani, precisamente nel vano soffitta chiuso con porta blindata ed inaccessibile al giovane, proprio per scongiurare il rischio dell’accesso alle armi da parte sua. Io sono andato ad abitare al secondo piano, prima eravamo tutti insieme al primo. Ora chiedo: ma la Prefettura, prima di inviarmi il divieto di detenzione non avrebbe dovuto verificare attentamente l’adeguatezza delle modalità di custodia delle armi da parte mia, adottate dopo l’arresto? Posso fare ricorso?

 

 

 

La risposta

Si, la Prefettura avrebbe dovuto farlo e, visto che non lo ha fatto, Lei potrà presentare il suo ricorso.

 

Certo, volendola pensare come il Prefetto non si può escludere, in linea di principio, la legittimità di un giudizio discrezionale all’esito del quale si affermi che un simile trasferimento di armi sia, in effetti, irrilevante.

 

Per esempio, potrebbe essersi trattato di un trasferimento puramente fittizio, chi può dirlo?

 

Oppure che le modalità di custodia delle armi sono state giudicate inadeguate.

 

Tuttavia, come spesso ripetiamo, per giungere a questo risultato il divieto del Prefetto dovrebbe risultare adeguatamente motivato e basato su un’apposita istruttoria.

 

Se l’istruttoria dovesse mancare, allora in quel caso la motivazione sarà scarsa e, in finale, il divieto pienamente ricorribile.

 

Insomma: bisogna sempre andare a verificare che l’Autorità di pubblica sicurezza abbia svolto realmente l’istruttoria tendente a verificare l’inadeguatezza delle modalità di custodia delle armi.

 

Quando l’istruttoria manca o è scarsa, allora di certo si può presentare il ricorso con ottime probabilità di vincerlo.

 

Anche per questi casi lo studio dispone di numerose sentenze favorevoli.

 

 

 

 

Vuoi assistenza legale?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Letto 1794 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.